SOCIETA’. Adoc: a Natale è boom per il poker

Non solo tombola. A Natale il 66% degli italiani giocherà a poker, il 15% anche nella versione online, mentre aumenteranno anche i giochi da tavolo classici e quelli ispirati ai quiz televisivi. La tombola "regge" – ci giocherà il 69% – ma perde un punto percentuale rispetto al 2008. Sono le stime rese note oggi dall’Adoc.

"Il boom del poker registrato durante l’ultimo anno avrà i suoi effetti anche sul Natale – dichiara Carlo Pileri, presidente dell’Adoc – stimiamo infatti che circa il 66% degli italiani giocherà almeno una volta a poker, tradizionale o online, durante le feste in famiglia, il 7% in più dell’anno scorso. Solo la tombola resiste alla crescita del poker, ci giocherà il 69% degli italiani, l’1% in meno del 2008. In crescita del 2% i giochi da tavolo, in calo gli altri giochi di carte (-3%) e il mercante in fiera (-4%). Degno di nota anche la crescita, del 4%, dei giochi ispirati ai quiz televisivi più famosi. Il successo del poker, in particolar modo della versione online, sta mettendo a rischio le vecchie tradizioni e i portafogli di molti italiani. Stimiamo in oltre 700 mila i giocatori abituali, per una spesa media procapite di circa 650 euro l’anno".

L’associazione si sofferma inoltre sui rischi: il 3% dei giocatori abituali, rileva, possono essere considerati "patologici" e il loro debito medio si può aggirare intorno ai 10 o 12 mila euro, con punte di 30-40 mila euro. "Da tempo l’Adoc – afferma Pileri – ha richiesto la creazione di un fondo di assistenza psico-sanitaria per le persone "gioco-dipendenti", che informi sui rischi del gioco d’azzardo e aiuti le famiglie rovinate. A tal fine vorremmo un incontro con l’Agenzia dei Monopoli per affrontare concretamente il problema. Inoltre, chiediamo che le vincite non incassate vadano nel suddetto Fondo e non vengano, come adesso, ripartite tra i dipendenti."

Comments are closed.