SOCIETA’. Anziani, disponibile Guida alle strutture residenziali italiane

E’ stata presentata questa mattina a Roma la nuova "Guida alle strutture residenziali per anziani in Italia’" curata dell’Associazione Nazionale Seniores d’Azienda (Anla), nucleo no profit di promozione sociale e di tutela della dignità e degli interessi degli anziani, e stilata grazie al cofinanziamento del ministero della Solidarietà Sociale. Con la pubblicazione, l’Anla intende riprendere una fortunata iniziativa dei primi anni 90, "L’Italia delle Case di Riposo", edita nel 1992 e aggiornata negli anni successivi. Tale iniziativa – spiega Terenzio Grazini, segretario generale dell’Anla – risultò all’epoca molto gradita dagli utilizzatori e rappresentò per la nostra Associazione un notevole successo, oltre che editoriale anche organizzativo: centinaia di strutture residenziali furono visitate dai nostri volontari, entusiasti di partecipare ad una importante iniziativa a favore della collettività.

"Sono pari a 1422, su 5000 cui è stata inoltrata richiesta di informazione, le case di riposo pubbliche e private riportate dalla guida – contina Terenzio Grazini – Di queste 346 sono state visitate personalmente dai nostri volontari". Obiettivo del progetto è quello di offrire uno strumento di consultazione a tutti gli anziani che necessitano di un ricovero in una struttura residenziale perché soli, con familiari non in grado di assicurare loro assistenza nel proprio domicilio, per motivi sanitari, per motivi di scelta personale. Sulla guida di Anla si trovano, infatti, notizie aggiornate sui recapiti, sulle modalità di accoglienza, sul tipo di ospitalità, sulle rette e sui servizi offerti dalle singole strutture italiane, suddivise per Regioni e città e catalogate per tipologia degli ospiti. Il testo presenta, inoltre, uno studio sulla situazione demografica nazionale, sulle problematiche dell’invecchiamento e sulle leggi e politiche sociali attuate in Italia.

Comments are closed.