SOCIETA’. Bologna, oltre 130 mila euro di aiuti forniti da Fondazione per vittime di reati gravi

Oltre 130mila euro erogati per sostenere spese funerarie, terapie psicologiche o il pagamento degli studi. Dal 2004 la "Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati" ha aiutato in modo immediato e concreto 15 persone a superare lo choc o le difficoltà determinate da un grave crimine. I risultati conseguiti finora sono stato illustrati ieri a Bologna.

La Fondazione, nata per volontà della Regione Emilia-Romagna, delle Province e dei Comuni capoluogo, si è costituita il 12 ottobre 2004, fornendo finora ausili economici e psicologici a 12 donne, di cui tre minorenni, e 3 uomini di cui 1 minorenne. I reati di cui sono state vittime le persone interessate sono gravi reati alla persona, quali omicidi, violenze sessuali ed aggressioni. Tutti uomini gli autori dei crimini. L’attività della Fondazione, presieduta dal senatore Setrgio Zavoli e diretta da Vilma Ecchia, è realizzata grazie ai finanziamenti degli enti locali, che per il 2006 prevedono quasi 670 mila euro.

Gli interventi avvengono su richiesta del sindaco del Comune dell´Emilia-Romagna in cui si è verificato il fatto o del Comune dell´Emilia-Romagna di residenza della vittima. Il tipo di aiuto non è stato definito a priori nello Statuto, ma è deciso di volta in volta dal Comitato dei garanti in base alle diverse e urgenti necessità delle vittime o dei loro familiari. L’azione mira limitare, "nell´immediatezza del fatto o in un periodo congruamente breve, le più rilevanti situazioni di disagio personale o sociale della vittima o dei suoi famigliari conseguenti al reato stesso". Lo Statuto prevede che i danni debbano riguardare l´essenza dell´essere umano e riferirsi alla vita, all’integrità fisica, alla libertà morale e sessuale. Non è quindi possibile accogliere richieste di risarcimento di furti o di altri atti che abbiano intaccato il patrimonio personale o familiare.

La celerità è caratteristica principale degli aiuti. In media dalla richiesta di intervento trascorre circa un mese e la decisione viene immediatamente comunicata al sindaco che ne ha fatto richiesta. In questa settimana i risultati della "Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati" saranno oggetto della puntata di " Vista da vicino ", settimanale televisivo di informazione dedicato alle politiche della Regione, in onda sul circuito delle emittenti locali emiliano-romagnole e in internet all´indirizzo www.regione.emilia-romagna.it/vistadavicino/puntata_sicurezza2006.htm.

 

 

Comments are closed.