SOCIETA’. CODICI denuncia business tra ditte di onoranze funebri e strutture sanitarie

Il CODICI denuncia il business delle ditte di onoranze funebri e delle strutture sanitarie che lucrano con il dolore di chi ha perso in ospedale un parente o un caro amico. Diverse sono le segnalazioni in merito ricevute dall’Associazione dei consumatori che ne racconta una accaduta a Roma. In seguito alla scomparsa di un loro congiunto avvenuta in una struttura sanitaria, i parenti si sono precipitati presso la struttura, e al loro arrivo sul posto hanno trovato era già il personale della ditta di onoranze funebri evidentemente allertata, che subito li informava circa la necessità di provvedere al trasporto della salma al di fuori dell’ospedale.

I parenti del defunto, non avendo la possibilità e soprattutto la lucidità di contattare un’altra ditta, hanno così acconsentito affidando l’incarico del trasporto alla società che era pronta ad intervenire. "Abbiamo immediatamente avviato un’indagine atta a fare chiarezza su quanto segnalatoci dai cittadini, anche perché per il servizio erogato dalla ditta, è stata chiesta la somma di 15.500 euro che, come è evidente, è superiore a quella generalmente praticata sul mercato – commenta l’Avv del CODICI che si sta occupando della vicenda, Concetta Tiziana Marino – L’episodio riferito, a nostro avviso, descrive un comportamento censurabile sotto il profilo etico ma anche una pratica commerciale scorretta ai danni dei consumatori".

"Provvederemo immediatamente a verificare quanto denunciato dai nostri associati – prosegue Valentina Coppola – Resp. Sportello Legale del CODICI – quanto è accaduto, se le nostre ipotesi verranno confermate, è immorale perché è riprovevole lucrare sul dolore umano". Il CODICI invia pertanto una segnalazione alla struttura sanitaria in cui si è verificato l’episodio e alla ditta di onoranze funebri che si è occupata del trasporto della salma affinché si avviino le opportune verifiche circa l’operato dei dipendenti e perché si ponga fine a tale prassi commerciale. I cittadini che abbiano vissuto situazioni analoghe a quella descritta possono contattare l’Associazione specificando la struttura sanitaria e la ditta implicate in quello che potremmo definire il business del caro defunto.

Comments are closed.