SOCIETA’. CODICI: famiglie sempre più indebitate, ritorna il Banco dei Pegni

Il nostro paese, da circa 5 anni a questa parte, ha radicalmente cambiato il proprio stile di vita, tanto che dal 2002 è tornato in auge il famigerato banco dei pegni. E’ la considerazione dell’associazione CODICI che sottolinea come "Persino in Lombardia il carovita spinge almeno 20 mila persone l’anno a rivolgersi al servizio credito su pegno della Banca regionale europea. Un boom di richieste che dal gennaio all’aprile del 2004 ha visto 6.200 persone impegnare gioielli, collane, orologi da collezione e fedi matrimoniali. Gente qualunque e sempre più in difficoltà che fa la fila agli sportelli, di loro solo il 90% , dopo circa sei mesi, riscatta i gioielli, il restante 10% non si presenta più e i gioielli finiscono all’asta".

Una situazione grave che tocca le più importanti città d’Italia, da nord a sud. Siamo di fronte ad un’autentica "emergenza sovraindebitamento", e la fotografia scattata dall’Osservatorio CODICI è tristemente eloquente: le famiglie romane hanno circa 24 mila euro di debiti; il 14,7% di quelle italiane arriva con molta difficoltà alla fine del mese, mentre il 28,9% ha affermato di non essere in grado di far fronte ad una spesa imprevista di 600 euro. Inoltre, il 9% di esse, negli ultimi due anni, si è ritrovata in ritardo con il pagamento delle bollette, e per concludere ricordiamo che il 5,8% degli italiani, ovvero quasi sei su 100, non ha i soldi per comprare il cibo necessario alla sussistenza; il 12%, infine, non ha denaro per le spese mediche.

 

Comments are closed.