SOCIETA’. Cassazione: “Accesso abusivo ad archivio aziendale vìola obbligo di fedeltà”

Attenzione a consultare informazioni presenti negli archivi della propria azienda. La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sentenza n. 153 del 9 gennaio 2007) ha stabilito che l'accesso abusivo del dipendente a dati inseriti nel sistema informativo aziendale costituisca violazione dell'obbligo di fedeltà. Consultare abusivamente gli archivi aziendali, indipendentemente dal contenuto dei dati, come dalla sussistenza del reato ex art.615 ter Cod.Pen. (Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico), realizza un'indadempienza contrattuale: la violazione dell'obbligo di fedeltà prevista dall'art.2105 cod.civ. Tale norma punisce ogni condotta in contrasto con i doveri relativi all'inserimento del lavoratore nella struttura dell'impresa, e che sia comunque in grado di far venir meno il presupposto fiduciario del rapporto.

 

 

Comments are closed.