SOCIETA’. Crisi, Federconsumatori: “Il Governo sta sviando i veri problemi del Paese”

"Si sta alzando un vero e proprio polverone per non dare risposte a un problema concreto che riguarda il potere di acquisto delle famiglie a reddito fisso, lavoratori e pensionati". E’ quanto sostiene Rosario Trefiletti, Presidente Federconsumatori, ribadendo il fatto che il Governo "preferisce sviare da tali questioni, mettendo in campo provocazioni, diversivi e vere e proprie trappole, quali gabbie salariali, dialetti, inni vari".

Secondo Federconsumatori "la situazione in cui versa il Paese, riconosciuta oggi anche del Ministero dell’Economia, con un leggero ritardo di 12 mesi, è a dir poco allarmante: nel 2008 si è registrata una contrazione dei consumi dello 0,9%, nel 2010 ci diranno che quest’anno la riduzione dei consumi si sarà attestata al -2,5/-3%, come noi (e non solo) prevediamo". A queste percentuali catastrofiche si affianca un "-6% di PIL e la previsione di una riduzione di 1milione di posti di lavoro, che produrranno minori entrate di 580 euro annui a famiglia, ed addirittura di circa 980 euro annui per le famiglie a reddito fisso (lavoratori e pensionati)".

Sono questi "i veri problemi dei quali bisognerebbe discutere ed ai quali si dovrebbe dare al più presto una risposta, attraverso un processo di detassazione per le famiglie a reddito fisso, a partire dalla restituzione del fiscal drag, e l’assegnazione di un sostegno al reddito dei disoccupati e di coloro che perdono la propria occupazione, specialmente i precari".

"Ma – denuncia Rosario Trefiletti – dal momento che il Governo non ha alcuna intenzione di intervenire su tale versante, se non attraverso manovre marginali quali social card e bonus famiglia (con l’esborso della risibile cifra, a regime, di 850 milioni di Euro), allora inventa ed incentra tutta l’attenzione su questi diversivi, che sono dannosi non solo in quanto sbagliati e fuorvianti, ma perché immettono ed alimentano sempre più preoccupanti fattori di divisione e spaccatura all’interno del Paese lungo l’asse Nord Sud".

Il Presidente Federconsumatori riconosce "a chi mette in atto tali diversivi una grande intelligenza politica, di fronte al vuoto delle iniziative. Siamo certi che, una volta esauriti questi argomenti, se ne inventeranno di nuovi, l’importante è non intervenire per aumentare il potere di acquisto delle famiglie a reddito fisso, ma aiutare amici degli amici e poteri forti".

Comments are closed.