SOCIETA’. Famiglie “alimentarmente” povere: sono più di 1 milione

Più di un milione di famiglie ha una spesa media mensile in cibi e bevande inferiore a 222,29 euro e sono considerate "alimentarmente" povere. E’ quanto emerge da un’indagine curata da Banco Alimentare e Fondazione per la Sussidiarietà e presentata questa mattina in Campidoglio che rivela, altresì, che la stragrande maggioranza dei poveri (oltre l’80%) è composta da operai, per lo più disoccupati. Inutile dire che è impressionante la differenza tra le famiglie considerate "benestanti" e quelle povere: le prime spendono in media 525 euro a fronte dei 155 delle seconde. A fare la differenza sono soprattutto le bevande, gli oli e gli altri grassi, il pesce, i gelati e i dolciumi. La maggiore causa di povertà, e quindi anche di povertà alimentare, come emerge dalla ricerca – condotta su un campione dal milione e mezzo di assistiti dalla Fondazione Banco Alimentare – è la disoccupazione, che incide per il 59%. Ma si diventa poveri anche per problemi di salute/disabilità (30%), morte di un familiare o separazione dal coniuge (15%). Le famiglie più povere sono infatti quelle ‘monogenitore’ (20,8%). Le famiglie "alimentarmente" povere se avessero 1000 euro in più al mese acquisterebbero "alimentari di qualità" e andrebbero dal dentista (lo sostiene il 40,6% degli intervistati). In pochi (il 19,8%) investirebbero per un viaggio.

Comments are closed.