SOCIETA’. Format-Confcommercio: il 60% degli italiani conosce federalismo “solo a grandi linee”

Federalismo, chi è costui?E quanto ne sanno gli italiani? A indagare sulla conoscenza che gli italiani hanno del federalismo prova a rispondere un’indagine Format-Confcommercio. Il 61,6% degli italiani sa a grandi linee cos’è il federalismo, mentre il 22,5% ne conosce a malapena l’esistenza e solo il 15,9% si dichiara completamente informato. Il 62% degli italiani è convinto che sia una priorità per il nostro paese mentre il 59,5% pensa invece che il federalismo rappresenti un vantaggio soltanto per alcune parti d’Italia.

Diverso il livello di conoscenza per aree geografiche. Secondo l’indagine, infatti, coloro che si sono dichiarati meglio informati sono i residenti nelle regioni del Nord-Est e nelle regioni del Meridione. Meno informati sono i residenti nelle regioni del Nord-Ovest e del Centro Italia. Mentre il minore livello di conoscenza appare più diffuso nelle grandi aree metropolitane.

Il 32,3% ritiene che il federalismo fiscale comporterà un aumento della pressione fiscale, il 29,8% pensa invece che con il federalismo fiscale le tasse si abbasseranno mentre il 25,2% ritiene che le tasse rimarranno le stesse. Secondo il 58,7% degli italiani il federalismo migliorerà la qualità dei servizi pubblici al cittadino, mentre per il 29,6% non ci sarà alcun miglioramento.

Il Comune e la Regione sono gli enti locali ritenuti più utili dagli italiani: il primo dall’81% degli intervistati, la seconda dal 62%. Secondo la ricerca, sono gli uomini a conoscere meglio il federalismo rispetto alle donne, in particolare gli individui di età compresa tra i 35 ed i 54 anni. Scarsa la conoscenza fra i giovani e i giovanissimi.

Il 63% degli italiani, rileva ancora l’indagine, è favorevole all’introduzione della fiscalità di vantaggio a beneficio delle regioni del Meridione. Il 75% ritiene che alcune Regioni subiranno disagi a causa del federalismo, mentre il 59,5% degli italiani pensa che il federalismo rappresenti un vantaggio soltanto per alcune parti d’Italia. Il 27,8% ritiene che la riforma federalista sia un vantaggio per tutto il paese e il 12,7% pensa invece che il federalismo non porterà alcun vantaggio per nessuno. Per il 48% degli intervistati, il federalismo fiscale a livello istituzionale porterà benefici soprattutto alle Regioni (48%) seguite dal Governo, dalle Province e dai Comuni.

Comments are closed.