SOCIETA’. Google-Editori, obiezioni dell’Aie: Google Book viola il copyright

Sono tre le principali obiezioni al servizio Google Books presentate oggi dall’Associazione Italiana Editori (AIE) alla Corte di New York e contenute nel parere inviato alla Commissione europea per l’audizione del 7 settembre sul tema. Book Search è uno dei tanti strumenti di Google che permette di ricercare dei libri in vendita online.

Le obiezioni dell’Aie si riferiscono all’accordo transattivo (Settlement) per chiudere la class action tra Google e le associazioni di autori ed editori americani per il servizio Book Search, che coinvolge anche qualsiasi opera libraria italiana disponibile sul mercato USA (la prima udienza della Corte di New York è prevista il 7 ottobre). Negli Usa, infatti, la stessa Google ha proposto una transazione che prevede tra l’altro un diritto d’autore a forfait di 60 dollari per ogni titolo digitalizzato, alla quale possono partecipare gli autori e gli editori di tutto il mondo.

Il Settlement prevede, inoltre, che Google possa digitalizzare e vendere in diverse forme le opere fuori commercio a meno che gli autori o gli editori non dispongano diversamente registrandosi in un apposito Registro. "Ciò viola in più parti la Convenzione di Berna sul diritto d’autore – si legge nel testo inviato alla Corte – che stabilisce il consenso preventivo per qualsiasi utilizzo delle opere e che la tutela prescinda da qualsiasi registrazione".

"Siamo di fronte – sostiene l’AIE – a un accordo privato che di fatto istituisce un regime speciale di gestione dei diritti a favore di una singola impresa. Il che è senza precedenti, in quanto le eccezioni del diritto d’autore sono sempre stabilite invece dalla legge e a favore del pubblico, non di un singolo. Un regime di questo genere genera rischi concreti di creazione di un monopolio nell’editoria elettronica libraria. Qualsiasi concorrente di Google, infatti, dovrà continuare a chiedere le dovute autorizzazioni. Chi potrà competere con il gigante di Mountain View, che già può sfruttare le sinergie con il suo motore di ricerca per acquisire visibilità?"

In un’industria culturale il monopolio ha conseguenze non solo economiche. Una clausola del Settlement, denunciata con forza nei dossier AIE, attribuisce a Google un potere totalmente discrezionale di escludere i libri non graditi. La prospettiva di un monopolio associata a un incondizionato potere censorio deve preoccupare non solo gli editori.

Comments are closed.