SOCIETA’. Il 2011 è l’Anno Europeo del Volontariato

Il 2011 è stato proclamato anno europeo del volontariato: dodici mesi per rendere omaggio all’opera dei volontari (oggi, circa il 20% degli europei dedica una parte del proprio tempo a un’attività di volontariato) e per incoraggiare un maggior numero di persone a dare il proprio contributo. Si pensa, ad esempio, ad una ricompensa per i volontari, al miglioramento della qualità del volontariato con un’apposita formazione e ad un’opera di sensibilizzazione al valore del volontariato.

L’UE promuove il volontariato già da molti anni e nel 1996 ha istituito il Servizio volontario europeo per incoraggiare i giovani a lavorare come volontari in comunità all’estero. Nel corso del 2011 un gruppo di volontari viaggerà in tutta l’UE per illustrare il proprio lavoro. Durante i 10 giorni che trascorreranno in ciascun paese, essi incontreranno anche dei politici per affrontare le questioni che li preoccupano. Una squadra di 27 giornalisti volontari coprirà, a turno, ciascuna tappa del viaggio e produrrà una serie di servizi audiovisivi e scritti che saranno trasmessi e pubblicati sui media e online. Nel corso dell’anno si svolgeranno 4 conferenze di alto profilo dedicate ad aspetti chiave del volontariato. I lavori a livello nazionale saranno coordinati dall’Alleanza EYV, un gruppo che riunisce 33 reti di organizzazioni di volontariato in Europa, fondato nel 2007. Gli aspiranti volontari potranno recarsi sul sito dell’Alleanza per trovare informazioni sulle possibilità di volontariato, impegnarsi a prestare la loro opera come volontari per un tempo determinato e vedere anche quante ore di volontariato sono state promesse dal 1° gennaio.

Comments are closed.