SOCIETA’. Istat, bilancio demografico: in Italia i residenti sfiorano i 60 milioni

Alla fine di marzo 2008 i residenti in Italia sfioravano i 60 milioni di persone, con un aumento rispetto all’inizio dell’anno pari allo 0,2% concentrato soprattutto nel Nord Est, nel Nord Ovest e nel Centro Italia. La popolazione residente in Italia alla fine del mese di marzo 2008 ammonta infatti a 59.715.627 abitanti, con un aumento di 96.337 unità. Ma il saldo naturale risulta negativo. Sono i dati resi noti oggi dall’Istat nel bilancio demografico mensile del periodo gennaio-marzo 2008. Si tratta di dati che derivano dalla rilevazione effettuata mensilmente presso i Comuni italiani e vanno considerati provvisorio fino alla fine dell’anno.

Nei primi tre mesi del 2008 c’è stato un aumento delle iscrizioni in anagrafe per nascita: si sono avute infatti 138.218 iscrizioni con un incremento di 1.982 unità (+1,5%) rispetto allo stesso periodo del 2007. L’aumento di nascite si concentra nelle ripartizioni del Centro (+2,8%), del Nordovest (+1,9%) e del Nord-est (+1,6%), mentre nelle regioni delle ripartizioni del Meridione e delle Isole l’incremento è più contenuto (rispettivamente pari a +0,2 e +0,4%). Nel periodo gennaio-marzo 2008 i dati relativi al movimento migratorio con l’estero fanno registrare un saldo positivo (+122.662), inferiore però a quello degli stessi mesi dell’anno precedente (+137.900), con un decremento pari all’11,1%.

Comments are closed.