SOCIETA’. Istat: disoccupazione giovanile al 24,7%. Consumatori: “Dati allarmanti”

I dati sulla disoccupazione in Italia, diffusi oggi dall’Istat, sono allarmanti e dovrebbero far riflettere. E’ l’invito che i presidenti di Federconsumatori e Adusbef, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, rivolgono soprattutto a coloro che vedono il Paese già fuori dalla crisi, alimentando menzogne e mistificazioni del tutto dannose e fuorvianti". Particolarmente impressionante l’avanzata della disoccupazione giovanile, che ha raggiunto il 24,7%. Per quanto riguarda il tasso di disoccupazione generale, ad ottobre 2010 si è toccato il picco dell’8,7%. La media del tasso di disoccupazione del terzo trimestre 2010, è dell’8,3% con un aumento di tre decimi rispetto al terzo trimestre 2009.

"Queste rilevazioni forniscono un quadro allarmante – scrivono in una nota le Associazioni dei consumatori – al quale si aggiungono i risultati delle ricerche e degli studi effettuati dall’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che hanno registrato, dal 2007 ad oggi, un crollo del potere di acquisto delle famiglie di ben il -9,6%; nonché un forte calo dei consumi (-1,5% nel 2008, -2,5% nel 2009 e, in previsione, -2% nel 2010, per una caduta complessiva del -6% negli ultimi 3 anni)".

"Tale situazione desta forte preoccupazione circa le prospettive future dell’Italia, sia sul piano economico che su quello sociale, confermando, ancora una volta, il profondo disagio in cui si trovano le famiglie. Del resto come potrebbe essere altrimenti, dal momento che il Governo non ha fatto nulla per arginare questo andamento, se non avviare manovre sbagliate ed inique che hanno determinato e continueranno a determinare gravi ripercussioni per i cittadini".

Per questo è ormai improrogabile un determinato intervento teso a rilanciare il Paese attraverso:
una detassazione per le famiglie a reddito fisso, di almeno 1200 euro annui e un piano di rilancio degli investimenti per lo sviluppo tecnologico e la ricerca, indispensabile per l’occupazione e per la competitività sul piano internazionale.

Comments are closed.