SOCIETA’. L’ANCI chiede il ripristino dell’8X1000 per i rifugiati

Il Sindaco di Ancona Fabio Sturani, Vicepresidente ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) delegato alle Politiche Migratorie, ha inviato una lettera al Presidente della Commissione Bilancio della Camera, Giancarlo Giorgetti, chiedendo "un confronto che permetta di valutare possibili soluzioni al fine di ripristinare l’originaria dotazione finanziaria contenuta nello schema del decreto di ripartizione della quota dell’otto per mille dell’IRPEF devoluta alla diretta gestione statale per l’anno 2008".

"Lo schema di decreto che verrà sottoposto all’approvazione della Commissione Bilancio – scrive Sturani – prevede, a seguito dei provvedimenti adottati con legge 126 del 2008, un taglio dell’intera dotazione del fondo a favore dell’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati, della fame nel mondo e della conservazione dei beni culturali". Con specifico riferimento alla quota destinata all’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati Sturani segnala tutta la preoccupazione dell’ANCI "per una scelta che risulta in palese contraddizione con la realtà di un fenomeno, come quello dell’arrivo di persone aventi diritto alla protezione umanitaria, che tutti i dati confermano drammaticamente in crescita”.

Sturani evidenzia che si tratta di persone che "non compiono una libera scelta migratoria, ma bensì che sono costrette a fuggire da gravi situazioni di violenza e persecuzione, che le convenzioni internazionali e la normativa nazionale ci impongono di proteggere e accogliere". "Il crescente numero di persone in arrivo che fanno richiesta di protezione internazionale – aggiunge – dovrebbero suggerire un rafforzamento e una estensione degli strumenti di accoglienza e integrazione resi disponibili sui territori. E’ difficile comprendere come possa accadere il contrario". Per questi motivi l’ANCI ritiene utile chiedere un confronto con la Commissione per valutare possibili soluzioni "nel pieno rispetto delle scelte dei cittadini e contribuenti che hanno deciso di destinare allo Stato le risorse dell’otto per mille".

Comments are closed.