SOCIETA’. Lazio, per le regionali del 2010 la società civile lancia un soggetto politico

Dopo le dimissioni del Presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, la società civile si mette insieme per avviare un tavolo di confronto con la politica, in vista delle prossime elezioni regionali. La volontà è quella di dare vita ad un nuovo "soggetto politico che non intende candidarsi, ma realizzare una piattaforma, frutto di un lavoro comune, in cui si sostiene che il prossimo governo regionale dovrà puntare sulla qualità e l’efficienza dei servizi, nonché sulla partecipazione come momento centrale di un recupero di democrazia all’interno della nostra Regione".

E’ quanto si legge in un comunicato del CODICI che, insieme ad associazioni ambientaliste, dei portatori di handicap, di difesa dei diritti dei minori, delle donne, dei malati, degli animali, altre associazioni dei consumatori, hanno aderito fin’ora all’iniziativa.

Questo nuovo "soggetto politico" ha il compito di portare il programma all’attenzione dei partiti e dei politici che si candideranno alle prossime elezioni regionali. Si ricorda come nel nostro Paese la corruzione nella pubblica amministrazione e nella attività politica sia un problema ricorrente, dall’unità d’Italia. "In questi ultimi mesi – scrive il CODICI – troppe volte gli italiani sono stati spettatori di atteggiamenti di favoritismo verso aziende di servizio o imprenditori che svolgono servizi di pubblica utilità, difficilmente giustificabili. Sono le anomale interferenze tra chi gestisce e chi controlla, mettendo seriamente in discussione un sistema politico che invece di tutelare la collettività, spalanca le porte alla decadenza morale della società in tutte le sue sfaccettature. Attraverso il voto, i cittadini saranno protagonisti e allo stesso tempo artefici di un cambiamento che auspichiamo sia di recupero di quella funzione di servizio pubblico che vada a beneficio della collettività".

Comments are closed.