SOCIETA’. Le banche aprono al pubblico con “Invito a Palazzo”

I palazzi storici delle banche italiane aprono le porte al pubblico. Si rinnova infatti sabato 4 ottobre "Invito a Palazzo", l’iniziativa giunta alla settima edizione che apre gratuitamente i palazzi storici delle banche italiane: 84 le sedi coinvolte di 50 banche in tutta Italia, con visite guidate in italiano e in inglese. Dieci le sedi che quest’anno apriranno per la prima volta. Il maggior numero di dimore storiche che potranno essere visitate saranno a Roma mentre le regioni con più aperture saranno Lombardia, Emilia Romagna e Toscana.

Palazzi storici dunque: perché espressione del patrimonio architettonico e artistico, dal Rinascimento al Barocco fino alle sedi commissionate agli architetti contemporanei con attenzione al risparmio energetico.

Nelle precedenti edizioni "Invito a Palazzo" ha coinvolto oltre 500 mila visitatori e turisti. "Il gran numero di visitatori e l’interesse dei turisti registrato ogni anno – afferma in una nota il Presidente dell’Abi Corrado Faissola – ne fanno un autentico fiore all’occhiello di un impegno più ampio, che le banche italiane dedicano al recupero, alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale del Paese".

L’iniziativa si svolgerà sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e con i Patrocini del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

I palazzi saranno aperti al pubblico gratuitamente, sabato 4 ottobre, dalle ore 10.00 alle ore 19.00, con visite guidate in italiano e inglese. L’elenco completo delle sedi che partecipano è sul sito http://palazzi.abi.it.

Comments are closed.