SOCIETA’. Legalità nelle scuole, premiati i vincitori del Premio Libero Grassi

Sono "Silenzio" della IV G del Liceo Scientifico "Alessandro Tassoni" di Modena e "Una vita in gioco" della II A e della I E dell’Istituto Professionale Statale per l’Industria e l’Artigianato "Antonio Magarotto di Roma – Istituto di Istruzione Specializzata per Sordi" gli elaborati vincitori della VI Edizione del Premio Libero Grassi, iniziativa dedicata all’imprenditore palermitano che ebbe il coraggio di denunciare i propri estortori, pagando con la vita il 29 agosto 1991 la sua lotta alla mafia, e finalizzata alla promozione dell’impegno sociale antimafia e alla diffusione della cultura della legalità nelle scuole.

Il concorso di quest’anno, sul tema "Fermiamo la corruzione", è stato promosso da Confcommercio e da Solidaria, con la collaborazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dello Sportello Legalità della CCIAA di Palermo.
Il bando di concorso "Fermiamo la corruzione" è stato diffuso in tutte le scuole d’Italia di ogni ordine e grado dal Ministero e presentato anche con specifici eventi organizzati a Palermo, a Modena, a Reggio Emilia e a Milano. Hanno partecipato 57 scuole che hanno presentato 96 sceneggiature per la realizzazione di spot video della durata di 1 minuto sul tema della corruzione. Le classi vincitrici (gli spot saranno visibili su www.solidariaweb.org e www.confcommercio.it) andranno per tre giorni in viaggio premio a Palermo visitando i luoghi simbolo della lotta alla mafia e partecipando alle manifestazioni del 23 maggio in memoria del giudice Falcone. I ragazzi viaggeranno sulla Nave della Legalità organizzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Nel corso della cerimonia di premiazione, svoltasi a Roma presso la sede nazionale di Confcommercio, il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Mariastella Gelmini, e il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, hanno firmato un protocollo di intesa per la promozione della cultura della legalità nelle scuole.

Comments are closed.