SOCIETA’. Lettera al centro sinistra contro l’offensiva clericale verso le donne

"Caro Veltroni, caro Bertinotti, cari dirigenti di centro-sinistra ora basta!" Inizia così la lettera contro "l’offensiva clericale verso le donne" firmata in primis da Simona Argentieri, Natalia Aspesi, Adriana Cavarero, Cristina Comencini, Isabella Ferrari, Sabina Guzzanti, Margherita Hack, Fiorella Mannoia, Dacia Maraini, Alda Merini, Valeria Parrella, Lidia Ravera, Rossana Rossanda, e Elisabetta Visalberghi.

In un momento in cui "l’offensiva clericale contro le donne, spesso vera e propria crociata bigotta, ha raggiunto livelli intollerabili" le dodici firmatarie chiedono ai due esponenti del centro-sinistra di ricordarsi dei temi importanti per le donne nei loro programmi. In particolare: l’eliminazione dell’obiezione di coscienza dalla 194, maggiore disponibilità della pillola abortiva (RU486) in tutta Italia, organizzazione di campagne sulla contraccezione fin dalle scuole medie, l’introduzione dell’insegnamento dell’educazione sessuale fin dalle elementari, la realizzazione di programmi culturali e sociali di sostegno alle donne immigrate e il rafforzamento delle norme e dei servizi a tutela della maternità.

"Non basta più – scrivono – limitarsi a dire che la legge 194 non si tocca: essa è già nei fatti messa in discussione. Pretendiamo da voi una presa di posizione chiara e inequivocabile, che condanni senza mezzi termini tutti i tentativi, da qualunque pulpito provengano, di mettere a rischio l’autodeterminazione delle donne, faticosamente conquistata: il nostro diritto a dire la prima e l’ultima parola sul nostro corpo e sulle nostre gravidanze".

La lettera sarà pubblicata da MicroMega in un numero speciale che esce a fine febbraio dal titolo "Il Papa oscurantista – contro le donne, contro la scienza". Altre adesioni potranno essere date sul sito www.firmiamo.it/liberadonna.

LINK: Firma

Comments are closed.