SOCIETA’. Liguria, Consumatori scrivono a Burlando: tagli più equi

In una lettera indirizzata al presidente Burlando, ai presidenti delle province liguri e ai sindaci dei capoluoghi, le sedi liguri delle associazioni Acu, Adiconsum, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Lega Consumatori hanno chiesto la disponibilità a fronteggiare in termini più equi i tagli pesantissimi della finanziaria Tremonti e prevedere la distribuzione dei sacrifici oltre che con gli aumenti tariffari e la riduzione dei servizi anche con le seguenti ulteriori tipologie di interventi:
1. Lotta alla evasione fiscale e tributaria e ricorso alla fiscalità generale (addizionale irpef)
2. recupero di produttività e efficientamento dei servizi
3. lotta agli sprechi e ai privilegi

Alla luce di queste richieste doamni le associazioni dei consumatori incontreranno l’assessore regionale ai trasporti e il vicesindaco di Genova per confrontarsi sui tagli al trasporto pubblico.

Per quanto la Regione Liguria si sia fatta carico di una parte degli oneri del trasporto derivanti dai tagli della finanziaria portando a 38 milioni di euro il deficit complessivo sul quale intervenire e nella comprensione del gravissimo momento attuale, le associazioni dei consumatori chiedono quali condizioni per la revoca dello sciopero del biglietto proclamato per il 3 dicembre che i 15 milioni in meno per la gomma e i 23 milioni in meno per il ferro siano distribuiti in un mix di provvedimenti che prevedano:

1. la ridefinizione dei servizi offerti con un equilibrio tra:
a) riduzioni massime non superiori al 5% del contratto di servizio
b) efficientamenti e recuperi di produttività almeno del 5% del contratto di servizio anche potenziando l’integrazione ferro/ gomma
2. l’aumento delle tariffe non deve superare gli aumenti
a) del 25% dei biglietti di corsa semplice
b) del 15% degli abbonamenti ordinari
c) del 0% per particolari categorie sociali (invalidi, studenti under 19, pensionati over 65, ecc.)

Comments are closed.