SOCIETA’. MDC Puglia: referendum, l’informazione è scarsa

"L’informazione è ancora scarsa. Troppa gente non è ancora informata". E c’è il rischio che, anche attraverso la moratoria indetta dal Governo, i referendum sull’acqua e sul nucleare del prossimo 12 e 13 giugno non raggiungano il quorum. Per questo "MDC Puglia e il suo gruppo dirigente mettono a disposizione di tutti la sede perché diventi un luogo di informazione, di aggregazione e di iniziative su questi referendum che non possiamo correre il rischio di vedere fallire".

È l’appello lanciato dal Movimento Difesa del Cittadino-Puglia, che denuncia: "Dietro il nucleare vi sono fortissimi interessi economici. La privatizzazione dell’acqua produce forti guadagni in chi la gestisce a danno delle tasche e degli interessi dei cittadini. Le società che sperano di gestire le centrali avevano lanciato una subdola campagna sui media per prenderci in giro e convincerci che il nucleare era sicuro. Ora, dopo il disastro di Fukushima, avevano bisogno di tempo per riprendere ad ammansirci le loro menzogne. Avevano bisogno di una moratoria e l’hanno ottenuta ed ora sperano che la gente il 12 e 13 giugno vada al mare e che non si raggiunga il quorum". Denuncia MDC che "questa volta si tratta di argomenti importanti" sui quali entrano in gioco la salute, lo sviluppo, la gestione dei beni comuni.

Comments are closed.