SOCIETA’. Milano, Fondazione Civicum. Un sindaco a misura di cittadino

"Misura il tuo sindaco". È questo il titolo della campagna che, partita da Milano e promossa da Fondazione Civicum e undici associazioni locali (Ambiente Milano, API Milano, Aspesi, Cittadinanzattiva, Compagnia delle Opere, Confesercenti, Forum del Terzo Settore, Mamme Antismog, MeglioMilano, Multiplicity, Fondazione RETE CIVICA Milano), obbliga i candidati sindaci a confrontarsi su promesse che possono mantenere.

"L’idea è quella di misurare – spiega la Fondazione Civicum – i risultati delle gestione delle risorse del Comune: Civicum si impegna a verificare annualmente i dati e a comunicarli ai cittadini, mentre ai candidati viene chiesto un impegno, se eletti, a far fornire dal Comune le informazioni necessarie. Ad ogni candidato – prosegue la Fondazione – viene inoltre richiesto di indicare gli obiettivi prioritari del programma sul cui raggiungimento accetta di farsi misurare, nel caso in cui venga eletto sindaco.

Il progetto si è avvalso dell’aiuto dell’IRS, l’Istituto per la ricerca sociale, che ha individuato una serie di indicatori di performance per il monitoraggio e la valutazione dell’operato del Comune nei settori percepiti come maggiormente critici. Sul sito www.misurailsindaco.com è visibile fino alle prossime elezioni l’appello che richiede al futuro Sindaco di impegnarsi a rendere disponibili e a pubblicare sul sito web del Comune i dati necessari per il calcolo degli indicatori individuati, relativi a:

  • accessibilità dell’informazione;
  • efficienza della macchina amministrativa;
  • qualità delle risorse umane;
  • funzionamento dei sistemi di appalto e forniture;
  • contenimento dei costi della regolazione per i cittadini e le imprese;
  • politica della casa e dell’accoglienza;
  • qualità ambientale;
  • politiche di protezione delle fasce deboli della popolazione.

"È dalla parte dei cittadini che deve sorgere una spinta per cambiare le regole" – ha dichiarato Federico Sassoli de Bianchi, Presidente di Fondazione Civicum. "Sulla scena politica la domanda di efficienza, ovvero la riduzione degli sprechi, e di efficienza, cioè la capacità di realizzare gli obiettivi previsti, è troppo poco rappresentata. L’appello vuole avviare una stagione di maggiore trasparenza della pubblica amministrazione, per i cittadini ma anche per gli amministratori pubblici, consci che non si può migliorare quello che non si conosce".

 

Comments are closed.