SOCIETA’. Modifica legge sul cognome, Ministro Bindi: “Fondamentale approfondire il dibattito”

In Parlamento si discute sulle proposte di modifica della normativa sul cognome. La Commissione Giustizia ha oggi deciso di rinviare le votazioni dell’art. 2 sul Disegno di legge che interviene sul Codice civile in materia di cognome dei coniugi e dei figli. Il Ministro delle Politiche per la Famiglia On. Rosy Bindi, nell’impossibilità di partecipare ai lavori odierni, ha favolmente accolto tale decisione, sottolineando l’importanza di approfondire il dibattito, anche per chiarire le posizioni del Governo sul tema.

"A questo proposito – rende noto il Ministero – si ricorda che gli emendamenti sono stati presentati dal Ministro delle politiche per la famiglia in quanto delegato alla materia e sono frutto dei lavori di una Commissione composta da autorevoli giuristi, esperti e rappresentati del Ministero della Giustizia, con il concorso del Ministero delle Pari opportunità. La Commissione ha elaborato gli emendamenti con l’obiettivo di affermare una effettiva parità tra i coniugi nella trasmissione del cognome ai figli, realizzando una completa equiparazione con quelli nati fuori dal matrimonio.

"Per quanto riguarda, poi, l’ipotesi del sorteggio – conclude la nota -, si precisa che si è sempre trattato solo di una possibilità da attivare nel caso in cui non vi sia accordo tra i coniugi sull’ordine da attribuire al cognome della madre e a quello del padre, avendo peraltro già accolto la proposta alternativa di ordine alfabetico".

 

Comments are closed.