SOCIETA’. Nuovo spot Coca cola: sì o no alla riscoperta dei gusti semplici?

Fa discutere il nuovo spot della Coca Cola: se il Sindaco di Caorle (Venezia) lo ritiene "deleterio", l’associazione CODICI risponde "non si vive di soli interessi di bottega". Nella reclame si vede una bambina, Giulia, che dice di preferire la vacanza dalla nonna piuttosto di spendere i soldi in albergo o in un villaggio turistico e ancora, mangiare e giocare a carte a casa invece di andare ad una cena di gala, al ristorante o ad una festa. Insomma, un invito a riscoprire la semplicità delle cose in tempi di crisi.

"La Coca Cola – dice il sindaco di Caorle, Marco Sarto – dovrebbe fare più attenzione ai messaggi che divulga. Come sindaco di una città turistica lo trovo a dir poco inopportuno anche dal punto di vista della tempistica. Tutti gli operatori turistici e il mondo della ristorazione hanno investito nelle proprie strutture e nella promozione". Caorle attende "con trepidazione l’inizio della stagione turistica ed ha assunto nuovo personale, pronti ad accogliere i vacanzieri". Anche il presidente leghista della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro, prende posizione contro lo spot della multinazionale della bibita diffuso dai media in questi ultimi giorni: "Sono solidale con Sarto – dice Muraro – anche perché la Coca Cola dimostra di non avere una strategia coerente e di diffondere un messaggio fuorviante. Ci siamo già dimenticati i 2,5 milioni di euro proposti da Coca Cola a Venezia, regina del turismo, per riempirla di distributori?". "Certo, il messaggio della serenità in famiglia è apprezzabile – conclude Muraro, entrando nel merito dello spot – ma si può vivere felici in famiglia anche girando a visitare località affascinanti". "Si può essere in famiglia in ogni angolo turistico del Veneto". È la posizione, quasi uno slogan, del vicepresidente della giunta e assessore al turismo della Regione Veneto, Franco Manzato.

Diversa la presa di posizione di CODICI che afferma: "La società attraversa una crisi che non è esclusivamente economica ma anche di valori. Lo spot, a nostro avviso educativo, aiuta a riflettere sull’importanza delle piccole cose quotidiane, ad assaporare il gusto semplice, ma non per questo meno "appetitoso" della vita e a riscoprire valori quali la famiglia e lo stare insieme, lungamente trascurati".

Comments are closed.