SOCIETA’. Privatizzazione acqua, una tavola rotonda a Roma

Si è svolta ieri in Regione Lazio la Tavola Rotonda: "Il Futuro del Servizio Idrico Integrato alla luce della riforma dei servizi pubblici locali", un evento realizzato dal Garante del Servizio Idrico Integrato e la Consulta degli utenti e dei consumatori, capofila del progetto l’associazione CODICI.

Ha aperto i lavori Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del CODICI con alcune osservazioni in merito alla legge Ronchi, provvedimento che nasce con lo scopo di aumentare la spinta liberalizzatrice, riducendo i costi per le pubbliche amministrazioni e garantendo la migliore qualità dei servizi resi agli utenti. "Le liberalizzazioni hanno un senso se riducono i costi e aumentano la qualità del servizio altrimenti diventano una mera speculazione sulle tasche dei cittadini" ha spiegato Giacomelli. "Il quadro che si delinea è alquanto preoccupante e non è percepito soltanto dagli addetti ai lavori ma dall’intera cittadinanza perché vede prevalere la tendenza speculativa. Le nostre preoccupazioni nascono dal fatto che da alcune indagini svolte sul territorio nazionale nessuna esperienza di gestione, sia mista che completamente affidata a privati, ha aumentato la qualità del servizio e/o ridotto la tariffa. Invero si registra costantemente un aumento dei costi di gestione a fronte di una mancanza di investimenti pur previsti dal piano d’ambito e consistenti aumenti tariffari", ha aggiunto il Segretario Nazionale.

"Occorre mettersi d’accordo sull’uso dei termini, tra questi: "liberalizzazioni", "privatizzazioni" e "mercato" e valutare le vere criticità per non occuparci e fossilizzarci su quelle false perché ciò comporta un ulteriore peggioramento della situazione. Reintrodurre il principio di responsabilità, sanzionando chi non rispetta le norme. Il CO.VI.RI ha stilato una convenzione per un affidamento di un adeguato servizio che sarà presentato al Governo. Questa convenzione, passibile di miglioramento, in quanto sarà discussa insieme alle associazioni dei consumatori e che potrà risolvere vari problemi", ha spiegato Roberto Passino, Presidente CO.VI.RI, Comitato Vigilanza Risorse Idriche.

Comments are closed.