SOCIETA’. Professioni, Mastella presenta agli ordini il ddl di riforma

Il ministro della Giustizia Clemente Mastella ha ieri presentato agli ordini e associazioni professionali il disegno di legge di riforma delle professioni intellettuali. Scopo del provvedimento è "valorizzare il ruolo e le funzioni di ordini e associazioni professionali, salvaguardandone qualità e dignità, senza sovrapposizione fra le competenze dei rispettivi iscritti".

Per il Guardasigilli, il ddl è "il frutto del dialogo e della concertazione e condivisione con il mondo delle professioni. A riprova di un metodo che, per essere rigorosamente valido, richiede di essere fondato sulla fiducia reciproca, senza pregiudizi tra le parti, e sulla buona fede dell’interlocutore. "La proposta che ne è scaturita si caratterizza per una ben precisa scelta: conferire agli ordini una identità completamente proiettata nell’interesse e nelle garanzie dei cittadini e del libero mercato. Agli ordini e alle associazioni saranno attribuiti compiti innovativi, in grado di accompagnare e sviluppare le qualità professionali dei loro iscritti, senza sovrapposizioni fra competenze e secondo un principio autenticamente dualistico di articolazione del sistema professionale.

"La riforma che abbiamo messo a punto – ha concluso Mastella – è una grande opportunità per il Paese se, nel considerarla un punto di partenza, le diamo la forza e l’efficacia che solo la concertazione può garantire. Anche per questo ho chiesto ai presidenti degli ordini e ai rappresentanti delle associazioni professionali presenti di far pervenire al ministero le loro osservazioni entro lunedì prossimo, al fine di portare il ddl all’esame del Consiglio dei Ministri nel più breve tempo possibile".

 

Comments are closed.