SOCIETA’. Pubblicità Sisley, Casper la denuncia al Giurì e al Ministro Carfagna

Sotto l’attacco delle Associazioni dei consumatori la nuova campagna pubblicitaria di Sisley che appare sui cartelloni stradali di molte città italiane. A sollevare il caso è Casper, il Comitato contro le speculazioni e per il risparmio, costituito da Adoc, Codacons, Movimento Difesa del cittadino e Unione Nazionale Consumatori. Le Associazioni hanno segnalato la campagna al Giurì di autodisciplina pubblicitaria e al Ministro per le pari opportunità, Mara Carfagna.

In particolare si contestano due immagini della campagna: nella prima si vede una ragazza seduta su un banco del mercato, tra pomodori, carote e altri ortaggi, che ammicca alla macchina fotografica, nella seconda pubblicità, invece, due ragazze piegate su un tavolo emulano l’azione si sniffare, con una cannuccia di carta infilata nel naso, così come fanno coloro che consumano cocaina.

"Non vogliamo essere bacchettoni, ma riteniamo entrambe le immagini obiettivamente eccessive – spiega Casper – In particolare la prima ha chiari richiami sessuali, e rischia di sminuire e strumentalizzare l’immagine della donna, legandola a vecchi stereotipi maschili oramai superati. La seconda non ha bisogno di commenti; per quanto è palesemente diseducativa, potrebbe addirittura configurare una istigazione al consumo di droghe. Siamo consapevoli che lo scopo dell’azienda era proprio quello di suscitare scandalo – prosegue Casper – ma non possiamo esimerci dal chiedere un intervento del Giurì e del Ministro Carfagna affinchè ordinino il ritiro della campagna pubblicitaria in questione".

Comments are closed.