SOCIETA’. Ricercatrice italiana vince premio europeo per la ricerca scientifica

La ricercatrice italiana Luisa Corrado ha ricevuto uno dei 5 "premi di eccellenza Marie Curie", che le è stato consegnato ieri dal commissario europeo per la scienza e la ricerca, Janez Potočnik, nel corso di una cerimonia ufficiale. "La ricchezza dà la felicità?": questo il titolo dello studio dell’italiana.

Questo riconoscimento si inscrive nell’ambito del programma comunitario di mobilità dei ricercatori. Altri premi sono stati assegnati nel campo della divulgazione scientifica e dell’innovazione. I vincitori sono stati selezionati da tre diverse giurie, una per ogni categoria, composte da esperti del mondo scientifico europeo e internazionale.

Hanno ottenuto il riconoscimento per la ricerca un lavoro sul ruolo dei geni nel cancro, un altro sulle pellicole di carbonio ultrafine destinate all’elettronica di consumo, uno sull’energia oscura e infine una ricerca sul ruolo delle piccole molecole nella risposta immunitaria dell’organismo.

I vincitori del premio Cartesio per la ricerca collaborativa transnazionale sono stati il progetto EPICA, che ha contribuito alla comprensione dell’evoluzione del clima terrestre negli ultimi 800mila anni, il progetto VIRLIS che ha contribuito allecure per la listeriosi e il SynNanoMotors sullo sviluppo della tecnologia dei motori molecolari, che in futuro potrebbe avere molte applicazioni.

I premi per la divulgazione scientifica sono andati al documentario sulla "massa mancante" che rappresenta il 96% del nostro universo; all’opera del divulgatore scientifico Jean-Pierre Luminet e alla scrittrice Delphine Grinberg.

I vincitori si divideranno la somma di circa 2 milioni di euro. Janez Potočnik ha dichiarato: "Questi premi rappresentano il meglio che l’Europa può offrire. Ricompensano qualità che sono importanti per tutti gli scienziati, i ricercatori, gli inventori e i divulgatori scientifici: eccellenza, apertura e creatività".

Per maggiori informazioni sui premi cliccare qui

Comments are closed.