SOCIETA’. Roma, bilancio di attività dei “nonni per dieci minuti”

Sono oltre 2.500 i volontari anziani che fanno servizio davanti alle scuole materne, elementari e medie di Roma per assistere bambini e ragazzi all’entrata e all’uscita. Sono i "nonni per dieci minuti" di "Un amico per la città", il progetto messo in piedi dal Comune (Assessorato alle Politiche Sociali) nel 2001. Fanno compagnia agli scolari in attesa dei genitori, li aiutano a traversare la strada, evitano approcci indesiderati.

I nonni di "Un amico per la città" fanno volontariato gratuito, hanno seguito appositi corsi di formazione, indossano un giaccone identificativo e sono costantemente in contatto tramite cellulare con la rete di coordinamento. Davanti ad ogni scuola ne stazionano sei, alternandosi in modo da garantire la presenza ogni giorno all’entrata (tra le 8 e le 8,45) e all’uscita (tra le 12 e le 12,50; tra le 16 e le 16,30 per le scuole che fanno il tempo pieno).

Ecco l’identikit del volontario-tipo: uomo, fra i 66 e i 70 anni, pensionato. Per la precisione: gli uomini sono il 61%, il 78% è in congedo dal lavoro, il 12% è costituito da casalinghe. Solo il 30%, in questi anni, aveva avuto precedenti esperienze di volontariato. E il 95% di quelli oggi attivi ha già dato la propria disponibilità per il 2007-2008.

Per fare volontariato con "Un amico per la città", chiamare la Casa del Volontariato allo 06-3722154, dal lunedì al venerdì tra le 9 e le 18.

Comments are closed.