SOCIETA’. Sabato notte ritorna l’ora solare. Codacons propone di abolirla

Nella notte tra sabato 25 e domenica 26 ottobre gli italiani dovranno spostare le lancette degli orologi un’ora indietro per via del ritorno all’ora solare. Secondo una ricerca del Codacons, però, "l’80% degli italiani è stufo di questi continui cambi e vorrebbe che l’ora solare venisse definitivamente eliminata a tutto vantaggio dell’ora legale". In tal modo si avrebbe il beneficio di recuperare un’ora di luce d’estate ma al tempo stesso non si avrebbe il disagio ed il costo di aggiustamento dell’orario.

"Peraltro – si legge in una nota di Codacons – tutti conteggiano i kilowattora risparmiati ma nessuno conteggia tutti i costi relativi ai problemi di insonnia e sonnolenza che incidono pesantemente sulla produttività nella prima settimana lavorativa successiva al cambio. In farmacia aumentano le vendite di prodotti contro il jetlag". Ci sono poi i costi per la variazione di orario: aggiornamenti sistemi informatici, orari dei treni, termostati temporizzati, videoregistratori, dvd, agende elettroniche, radiosveglie, orologi nelle auto, problemi nelle transazioni finanziarie. Per questo il Codacons chiede che si cambi la Direttiva 2000/84/CE e che, almeno in Europa, si elimini definitivamente l’ora solare.

Comments are closed.