SOCIETA’. San Valentino, festa per l’economia. A Milano 6 mln di euro vengono spesi in gioielli

San Valentino è un’impresa economica che pare viaggi a gonfie vele. Fra il 2009 e il 2010 è aumentato il numero di imprese coinvolte nei festeggiamenti (più 2,3%), soprattutto ristoranti, ma anche gioiellerie, fioristi e negozi che trattano articoli da regalo. Il fine settimana di San Valentino è per molte coppie occasione di weekend verso città d’arte e località termali con annessi trattamenti benessere. E a Milano, 6 milioni di euro vengono spesi per regalare gioielli.

I dati provengono dalla Camera di Commercio di Milano. Sul piano del numero di industrie coinvolte nella feste, le regioni più "romantiche" sono Lombardia, Lazio e Campania, che insieme coprono un terzo dell’intero settore e i cui rispettivi capoluoghi compongono il podio delle province con la più alta concentrazione di imprese per innamorati. Curiosità: su tutto il territorio italiano sono 126 le imprese ad aver scelto una denominazione che fa riferimento al protettore degli innamorati e così, tra le varie attività registrate come "San Valentino", ci sono soprattutto ristoranti, bar e pasticcerie, ma anche immobiliari e tenute agricole.

Con il 33% delle preferenze, città d’arte e località termali sono le mete preferite per una breve vacanza, concentrata nel finesettimana e per una spesa media intorno ai 520 euro a persona, cifra sostanzialmente invariata rispetto a un anno fa. E tra i servizi aggiuntivi per impreziosire il soggiorno spopolano i trattamenti benessere, richiesti da quasi tre persone su cinque.

A Milano, poi, circa 6 milioni di euro verranno spesi per regalare un gioiello, con preferenza per i classici anelli (45,1%) e collane (13,7%).

Comments are closed.