SOCIETA’. Si è chiuso Cittadini d’Argento. Consumatori: “Iniziativa di successo”

Favorire la partecipazione degli anziani alla vita sociale: si è appena concluso il progetto Cittadini d’Argento, realizzato dal Movimento Difesa del Cittadino e dal Movimento Consumatori con il finanziamento del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali. Perché "gli anziani rappresentano una risorsa preziosa per la comunità che è necessario coinvolgere in altre iniziative di volontariato e di impegno civico".

Il progetto, durato un anno, ha portato all’apertura, presso le sedi territoriali del MC e del MDC, di 32 Punti di Contatto che hanno raccolto le segnalazioni dei disservizi riscontrati dai cittadini d’argento e le hanno inviate alle istituzioni e alle aziende competenti. La partecipazione è stata più diffusa fra gli uomini tra i 60 e i 70 anni. Dai dati raccolti in 12 mesi di attività è emerso che la maggioranza dei casi interessa le città del Sud, a seguire quelle del Centro e del Nord Italia. Il maggior numero dei disservizi registrati ha riguardato le infrastrutture stradali, la pulizia stradale, il decoro urbano e la segnaletica stradale.

"L’interesse che ha riscontrato il progetto – afferma Lorenzo Miozzi, presidente del Movimento Consumatori – rappresenta un chiaro segnale da tenere in considerazione per iniziative future. Il coinvolgimento della cosiddetta Terza Età in attività di valore civico è prezioso per noi tutti". Commenta Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino: " Il progetto Cittadini d’Argento non finisce qui: vogliamo continuare ad essere un punto di riferimento per gli over 60, raccogliendone, anche nei mesi a venire, le segnalazioni per rendere più vivibili i quartieri delle città. I cittadini d’argento rappresentano una risorsa per la nostra società che non va sottovalutata. L’entusiasmo e la partecipazione con cui hanno accolto l’iniziativa, dimostrano che sono necessari canali, come quelli che abbiamo attivato nell’ultimo anno, per dialogare concretamente con le istituzioni e trovare soluzioni efficaci volte a migliorare il territorio in cui viviamo".

Comments are closed.