SOCIETA’. Tessera del tifoso, interrogazione del Sen. Peduca (Radicali/PD) al Ministro Maroni

La tessera del tifoso continua ad essere oggetto di polemica. Dopo il servizio mandato in onda da Report domenica scorsa e dopo varie denunce delle Associazioni dei consumatori (ieri quella dell’Aduc), oggi arriva l’interrogazione del Senatore Marco Peduca (Radicali/PD) che chiede al Ministro dell’Interno Roberto Maroni di intervenire per obbligare le società calcistiche a prevedere anche tessere "base" che non comportino l’obbligo di stipulare un contratto di credito o simile con una determinata banca.

Nell’interrogazione del Sen. Peduca si legge che "secondo le direttive dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni sportive la tessera del tifoso doveva essere rilasciata al singolo dalle società sportive, e che il singolo poteva prestare o meno il proprio consenso ad attività di marketing, ulteriori rispetto alla finalità della Tessera stessa". "Invece – continua il Senatore – nella prassi quasi tutte le squadre di calcio obbligano i richiedenti la Tessera del Tifoso a stipulare unitamente un contratto con un istituto bancario per il rilascio di una carta bancaria prepagata; in questo modo il singolo è costretto a fornire ad una banca – fra l’altro scelta dalla società sportiva – tutti i propri dati personali, compresi dati sensibili quali quelli giudiziari relativi all’emissione di Daspo, alle eventuali condanne penali e ai processi in corso a proprio carico".

Peduca ha ricordato che il Garante Privacy ha sollevato forti perplessità sulla mancanza di chiarezza di gestione e trattamento di questi dati da parte di società sportive e società terze. Si ribadisce che "una simile prassi è illegittima poiché subordina l’accesso a determinati settori dello stadio, o l’acquisto di un abbonamento, alla stipulazione obbligatoria di un contratto con un istituto di credito". Il Senatore Peduca ha chiesto se il Ministero intenda provvedere e quali azioni intenda intraprendere per porre fine a questa situazione.

Comments are closed.