SOCIETÀ. L’Europa dedica il 2008 al dialogo interculturale

Un anno tematico dedicato al dialogo interculturale e con un’attenzione particolare alla religione: è l’iniziativa dell’Unione europea che ha deciso di proclamare il 2008 "Anno europeo del dialogo interculturale". Con tre obiettivi principali: "sensibilizzare i cittadini europei all’importanza del dialogo", "promuovere i valori comuni e il principio del rispetto reciproco" e "stimolare i contatti e i dibattiti".

Ci sono infatti "idee preconcette" che si alimentano nel tempo, come gli stereotipi sulle diverse culture e identità nazionali dei diversi paesi e cittadini europei. E ci sono spesso la diffidenza e l’incomprensione nei confronti di chi ha origini etniche o religioni diverse, come per gli immigrati e le popolazioni extraeuropee. Da qui l’iniziativa dell’Unione europea: "Il modo migliore di combattere i pregiudizi – si legge sul sito internet della Commissione – è di instaurare contatti attraverso un dialogo interculturale". L’iniziativa presterà particolare attenzione al dialogo fra le religioni. Dieci milioni gli euro stanziati per il 2008. Si prevede l’organizzazione di una campagna di informazione e di sensibilizzazione e di una serie di manifestazioni. E l’anno tematico si chiuderà con un forum interculturale cui parteciperanno società civile, responsabili politici e rappresentanti religiosi.

Comments are closed.