SOLDI. Antitrust multa FinecoBank per 140 mila euro

Pratica commerciale scorretta per FinecoBank Spa, che è stata sanzionata dall’Autorità Antitrust per 140 mila euro. La decisione, pubblicata sull’odierno bollettino dell’Autorità, riguarda "il comportamento posto in essere dalla società FinecoBank nella qualità di professionista, consistente nella diffusione a mezzo internet di un messaggio pubblicitario potenzialmente ingannevole, volto a promuovere la propria attività di concessione fidi, nel quale veniva prospettata la possibilità di ottenere un fido di 3.000 euro con il solo accredito dello stipendio".

Per l’Antitrust il messaggio è ingannevole: "Le informazioni contenute nel messaggio pubblicitario sono, infatti, prospettate al consumatore in modo ambiguo, con particolare riguardo ai requisiti necessari per ottenere i fidi oggetto dell’offerta (titolarità di un rapporto di conto corrente con il professionista con anzianità di almeno sei mesi e con un saldo di conto corrente maggiore di -500 euro al momento della richiesta; accredito sul conto in questione dello stipendio se lavoratore dipendente; titolarità di una carta di credito emessa dal medesimo professionista "non bloccata" e attiva) in quanto, nella versione ante 12 aprile 2010, parrebbe sufficiente per la loro concessione il mero accredito dello stipendio sul conto corrente e di ciò si dà particolare enfasi proprio utilizzando l’espressione ‘Ti basta avere l’accredito dello stipendio’".

La promozione in seguito è cambiata, ma per l’Antitrust non è sufficiente: "Non vale anche a sanare la decettività del messaggio pubblicitario la modifica intervenuta in data 12 aprile 2010 che ha previsto la sostituzione dell’espressione "Ti basta avere l’accredito dello stipendio" con quella "Una riserva a tua disposizione" in quanto con tale espressione si induce addirittura il consumatore a ritenere che non sussista alcun impedimento, nell’ordine di requisiti da possedere, nell’ottenimento di questa "riserva di liquidità" rappresentata dal prodotto Minifido".

Comments are closed.