SOLIDARIETA’. Il Notariato lancia associazione ALIA per l’assistenza alle fasce deboli

Si chiama ALIA l’associazione del Notariato per la solidarietà sociale. È stata infatti costituita a Roma, presso il Consiglio Nazionale del Notariato, l’associazione che ha l’obiettivo di "offrire solidarietà sociale nei confronti delle fasce sociali deboli e di persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari. L’adesione dei notai è prevista su base volontaria".

ALIA si ispira ed è gemellata con la fondazione Aequitas, l’ONG del Notariato spagnolo, che ha predisposto un testo legislativo sull’assistenza ai disabili tradotto in legge nel 2006. In particolare, ALIA si concentrerà sul sostegno e l’assistenza giuridica a minori, anziani e a coloro che si trovano in uno stato di disagio sociale, e promuoverà analisi e provvedimenti legislativi per tutte le minoranze. È inoltre attualmente allo studio la possibilità di offrire consulenza e assistenza gratuita o attraverso Internet o attraverso una sorta di "consultori". "Sulla scorta dell’esperienza spagnola anche il Notariato italiano, che quotidianamente assiste la famiglia e l’individuo nelle scelte più importanti, vuole offrire con questa iniziativa il proprio contributo nel segno della responsabilità sociale e solidale – ha dichiarato Ernesto Quinto Bassi, consigliere nazionale del Notariato e fondatore di ALIA – Non a caso ALIA, il nome dell’associazione, ha il significato esteso di Altro".

Comments are closed.