SOLIDARIETA’. Nasce telefono genitori, servizio di ascolto alle famiglie

Un "Telefono" dedicato ai genitori che nasce dal bisogno di dare le risposte giuste ai nostri figli e dall’esperienza di padri e madri. E’ il "Telefono Genitori", che verrà presentato a Milano venerdì, che viene proposto come un servizio di ascolto alle famiglie, gratuito e attivo ogni giorno, per rispondere, in modo tempestivo e competente, alle domande che possono scaturire dal rapporto con i figli. Telefono Genitori nasce per rispondere all’aumento continuo della domanda di formazione che i genitori esprimono.

Proposta innovativa nel settore, è stata ideata e viene gestita dalla Fondazione Movimento Bambino, con il sostegno di Progetto Italia di Telecom. Settanta operatori formati dalla psicoterapeuta Maria Rita Parsi e supervisionati all’interno della Fondazione Movimento Bambino saranno disponibili per sette ore al giorno ad accogliere, ascoltare, orientare, fornendo, di volta in volta, le informazioni più utili in merito ai quesiti e/o ai problemi che verranno presentati telefonicamente, coprendo tutto il territorio nazionale. La Fondazione Movimento Bambino (www.movimentobambino.it) ha lo scopo primario di aiutare a diffondere e sviluppare la cultura dell’infanzia e dell’adolescenza, cioé far rispettare le necessità e i diritti dei bambini e degli adolescenti dando loro, eventualmente, accoglienza, così come sancito dalla Convenzione internazionale Onu del 1989.

Il Movimento Bambino, nato il 3 agosto 1992 come Associazione senza scopo di lucro, è oggi Fondazione riconosciuta (con decreto 361/2000 del 8. Settembre 2005). Voluto da Maria Rita Parsi, è l’erede naturale delle attività culturali e sociali, della metodologia e delle tecniche scientifiche ideate e messe in atto dalla SIPA (Scuola Italiana di Psicoanimazione-Società Italiana di Psicoanimazione). La Fondazione Movimento Bambino ha, attualmente, quattro centri in Italia – Milano, Roma, Cosenza, Vittorio Veneto. E’ attiva su tutto il territorio nazionale oltre che nella Svizzera italiana.

 

Comments are closed.