SOLIDARIETA’. Parte dal Piemonte l’iniziativa “Donacibo”

Dopo la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare del novembre scorso, parte dal Piemonte una nuova iniziativa di solidarietà organizzata in sinergia con il Banco Alimentare. Il prossimo 27 febbraio 1600 ragazzi degli istituti superiori piemontesi raccoglieranno generi alimentari non deperibili in 350 scuole per "Donacibo", progetto educativo per una cultura del dono voluto dall’associazione Altrocanto di don Angelo Zucchi e già esportato in molte regioni italiane.

Scopo dell’iniziativa è non solo aiutare famiglie e persone in difficoltà attraverso i Banchi di Solidarietà, ma anche promuovere il volontariato tra i più giovani. "Grazie a Donacibo – spiega don Angelo – i giovani affinano il proprio senso di solidarietà e, tramite i problemi altrui, capiscono anche i propri. Per questo ci tengo a sottolineare che l’intenzione primaria del progetto è educativa".

"Siamo molto soddisfatti di quanto si sta realizzando – ha aggiunto Salvatore Collarino, vicepresidente di Banco Alimentare Piemonte, intervenendo a margine di "Cibo Amico", l’incontro di approfondimento sul progetto svoltosi questa mattina a Torino – dal 2004 ad oggi l’iniziativa è cresciuta tanto da diventare praticamente un soggetto a sé stante rispetto al Banco Alimentare e ha già educato oltre 50.000 ragazzi non solo alla cultura del dono ma anche all’educazione alimentare e alla lotta agli sprechi".

"Il coinvolgimento delle scuole in iniziative come questa – ha commentato, infine, il ministro della Salute Livia Turco – è di particolare importanza, poiché la raccolta introduce i giovani, alla possibilità, attraverso un gesto anche piccolo come la colletta alimentare, di stimolare una dimensione importante della propria natura, della propria esistenza e del proprio io: la gratuità, il desiderio di dare, la gioia della condivisione e l’importanza dell’amicizia". Grazie alla collaborazione dei ragazzi delle scuole superiori, il Banco Alimentare conta di aumentare, ancora una volta, i quintali di cibo raccolto.

Comments are closed.