SOLIDARIETA’. Partita la Maratona Telethon. Il messaggio di Napolitano

Partita oggi la Maratona Telethon che quest’anno è alla sua 19esima edizione. Puntuale arriva l’appoggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che diffonde un videomessaggio. "Desidero rinnovare, anche quest’anno, il mio pieno, convinto sostegno alla maratona televisiva per la ricerca di fondi da destinare all’attività della Fondazione Telethon".

Napolitano si sofferma sui tre aspetti importanti su cui si concentra l’attività della Fondazione. "Il primo aspetto è quello della solidarietà: la solidarietà con le persone colpite da malattie genetiche che oggi possono anche sperare in una guarigione grazie alla ricerca condotta dalla Telethon su diverse malattie, purtroppo assai diffuse: ricerca che ora si trasferisce sempre di più dall’ambito puramente scientifico – ovvero della ricerca di base – alla applicazione, alle terapie, alle possibili cure".

Il progresso scientifico è il secondo aspetto. "In Italia abbiamo assoluto bisogno di portare più avanti la ricerca, di ottenere traguardi che sono possibili grazie alle competenze e alle intelligenze di cui disponiamo nel campo della scienza. E in questo senso – ribadisce Napolitano – la Telethon fa molto: contribuisce con fondi privati e con contributi di imprese e cittadini ad una causa che non può riposare solo sul bilancio dello Stato. Più che mai, in un momento difficile come quello attuale, bisogna fare appello alla generosità dei cittadini, alla consapevolezza delle imprese per sostenere i progetti di ricerca curati della Telethon".

Infine, la Fondazione Telethon è importante perché valorizza "le energie giovani di cui dispone l’Italia: dobbiamo assolutamente evitare di perdere giovani talenti che, se non vengono incoraggiati, sostenuti, messi in grado di poter fare ricerca in Italia, abbandonano il Paese, vanno all’estero". "Trattandosi di distribuire fondi per progetti di ricerca e di destinarli soprattutto all’impegno di giovani ricercatori – conclude il Presidente della Repubblica – è essenziale anche il metodo che segue la Telethon. E’ un metodo rigorosamente meritocratico: si scelgono, si premiano, si incoraggiano i progetti migliori e le migliori energie dei nostri giovani ricercatori".

Anche quest’anno l’obiettivo è battere il record. Tante le sorprese che scandiscono i vari momenti della diretta tv: dal collegamento in diretta con l’Eliseo e Carla Bruni previsto nel tardo pomeriggio di venerdì, all’edizione speciale di "Affari tuoi" con ospiti personaggi dello spettacolo e dello sport, fino ai collegamenti da Maranello, in compagnia di Luca Cordero di Montezemolo. Centrali, anche in questa edizione, le storie di Telethon: i cortometraggi e gli ospiti in studio che, attraverso la loro esperienza personale, raccontano la difficile convivenza con una patologia genetica e il grande coraggio quotidiano nell’affrontarla.

Ma la maratona non è soltanto in tv. Da martedì, infatti, è partita la maratona radiofonica, con i tantissimi programmi "telethonizzati" di Radio1, Radio2 e Radio3. Non manca proprio nulla, anche perché le novità proseguono sul web, sul canale www.youtelethon.it, con una diretta parallela che parte alle 14 di venerdì per concludersi la sera di sabato e condotta da Massimo Cirri e Filippo Solibello, mattatori della trasmissione Caterpilla di Radio2. Una gara di solidarietà che ufficialmente termina domenica, in coincidenza con la chiusura di Domenica In, ma che prosegue tutto l’anno: perché la ricerca non si può fermare e perché tanti bambini non possono più aspettare!

Comments are closed.