SOLIDARIETA’. Stelle di Natale per la ricerca: torna in piazza l’iniziativa dell’AIL

Anche quest'anno i 15mila volontari dell'AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma) scendono in piazza per promuovere la ricerca. Migliaia di stelle di Natale saranno distribuite in ben 3.500 piazze italiane per sostenere la battaglia onco-ematologica e migliorare la qualità di vita dei pazienti. Nei giorni 8, 9 e 10 dicembre con la donazione simbolica di 12 euro sarà possibile fare un gesto d'amore e di speranza.

 

La stella di Natale è da tempo il simbolo dell'AIL e del suo impegno. "Sono oramai diciotto anni, dal 1989, – dichiara l'associazione – che le Stelle sono protagoniste nelle più importanti piazze d'Italia; oltre a diventare una vera e propria icona dell'Associazione, hanno contribuito a finanziare la ricerca scientifica e l'assistenza per il malato. Per la verità tutto cominciò grazie ad un'intuizione della dottoressa Rosalba Di Filippo Scali, presidente dell'AIL di Reggio Calabria che, cercando fondi per dei macchinari, ha cominciato a vendere le prime 500 Stelle. Era il 1985, e il primo vero passo significativo a favore della ricerca contro le leucemie, i linfomi e il mieloma. L'idea fu riconosciuta e apprezzata, dato che i risultati in crescita costante, e quattro anni più tardi scesero in piazza le altre Sezioni dell'AIL".

 

"La strada percorsa in questi diciotto anni di Stelle – conclude l'AIL – è stata tanta anche se quella da fare è ancora moltissima. La manifestazione ha permesso di finanziare i progetti di assistenza e di ricerca di alto valore scientifico e sociale come quello del Centro Dati GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell'Adulto), di aprire e ristrutturare le Case AIL nei pressi dei maggiori Centri di ematologia, di promuovere, la formazione e l'aggiornamento professionale di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio".

 

Per consultare l'elenco delle piazze ospitanti gli stand dell'associazione consultare il sito ufficiale dell'AIL.

Comments are closed.