SPORT. Indagine Adiconsum: gli errori arbitrali hanno falsato il 41% delle partite di Serie A

Sono stati falsati dagli errori arbitrali i risultati del 41% delle partite di Serie A nella stagione 2006/2007, sono stati spostati 240 punti di classifica, interessate 17 squadre su 20, penalizzate le squadre più deboli e retrocesso il Chievo al posto del Torino: sono questi i principali risultati dell’Osservatorio sugli Errori Arbitrali nel Calcio di Adiconsum, che ha presentato uno studio insieme a Make Tailored Advertising prendendo in esame 187 casi da moviola. Da qui la richiesta: istituire la moviola in campo.

I risultati sportivi, commenta Adiconsum, sono influenzati anche da "un sistema arbitrale che si rivela sempre più antiquato ed imperfetto anche quando lavora in buona fede". Lo studio presentato da Adiconsum e Make Tailored Advertising (società specializzata nel marketing dello sport) aggiorna al campionato 2006/07 i dati già rilevati in precedenza e prende in esame 187 casi da moviola in azione da gol-non gol sui quali la terna arbitrale ha commesso un errore di valutazione, come riportato a maggioranza dai 3 maggiori quotidiani sportivi italiani. L’errore arbitrale è stato compensato per produrre una classifica virtuale (Virtualclass (r)), nella quale risultano: alterati i risultati di 157 partite (41,3% del totale) e in 30 partite si è verificato più di un errore; spostati 240 punti; interessate 17 squadre su 20 (85%); retrocesso il Chievo al posto del Torino; premiati i primi (Inter +6 punti); penalizzate, le squadre più deboli (Reggina -18; Ascoli -8; Messina -8); punite le squadre già penalizzate per Calciopoli (Lazio-5; Milan -2; Fiorentina -3; Siena-5; Reggina -18 ). Secondo lo studio inoltre, "36 dei 38 (95%) arbitri che hanno diretto la Serie A nel 2006/07 hanno commesso errori, con una media di 5,5 ciascuno. I 2 arbitri che non ne hanno commesso hanno arbitrato solo 4 partite in totale". La tipologia degli errori sui casi da gol-non gol analizzati ha riguardato: rigore/non rigore (56%), fuori gioco (27%), fallo in azione da gol (15%), gol fantasma (2%). "Questa analisi – commenta dunque l’associazione – dimostra ulteriormente come anche i tentativi di innovazione della dirigenza del calcio nel sistema arbitrale brancolino nel buio, essendo essenzialmente rivolti ad una tipologia, il gol fantasma, di minima rilevanza statistica".

Adiconsum ritiene dunque "indispensabile la moviola in campo" che permetterebbe "la riduzione degli errori arbitrali fino all’80%, lasciando il rimanente 20% in una situazione discutibile e, pertanto, non chiaramente imputabile all’arbitro". E annuncia che nei prossimi mesi verrà costituito un comitato di personalità sportive (calcistiche e di altri sport) e non sportive a favore dell’introduzione della moviola in campo al quale potranno aderire anche "tifosi e consumatori a qualsiasi titolo del calcio".

Comments are closed.