SWITCH OFF. Adiconsum propone sperimentazione nelle zone all digital

Adiconsum, in previsione dello switch off di Sardegna e Valle d’Aosta il 31 luglio del 2006, propone un periodo di "reale sperimentazione" alla fine del quale si potranno indicare con certezza i tempi, i modi e quale decoder sarà più proficuo utilizzare: infatti le scelte fatte dal consorzio DGTVi portano – spiega Paolo Landi, segretario generale dell’associazione – in un vicolo cieco segnato da tecnologie nate già vecchie.

Adiconsum ha realizzato un progetto per realizzare, finalmente, una vera sperimentazione, che metta a confronto varie ipotesi tecnologiche, tenendo in alta considerazione il consumatore e il rilancio delle economie locali. Per riuscire nel suo intento la sperimentazione prevede l’analisi di dati certi rilevati con metodi scientifici da organismi terzi.

L’associazione propone il coordinamento della sperimentazione alle Regioni, coaudiovate da un tavolo tecnico aperto alle istituzioni nazionali e locali, ai fornitori di servizi e di contenuti, alla Rai e alle altre pay-tv, alle università e ai centri di ricerca, agli installatori e ai consumatori con questi obiettivi:

  • la chiusura dell’analogico verificando l’integrazione del digitale terrestre, del satellite, della tv via computer e via mobile;
  • sperimentare la chiusura dell’analogico in fasce orarie e una nuova assegnazione delle frequenze;
  • provare vecchi e nuovi decoder prodotti appositamente per la sperimentazione;
  • realizzare e provare impianti multipiattaforma centralizzati;
  • progettare contenuti interattivi e verificare se utilizzarli su specifiche piattaforme o solo sulla "rete";
  • integrare nella sperimentazione le Pay Tv utilizzando la loro rete trasmissiva (sat, internet, terrestre);
  • affidare alla RAI le relazioni con l’utente per gestire la transizione;
  • rilevare le reazioni dei consumatori inseriti nei gruppi sperimentatori.

Comments are closed.