Sicurezza stradale, ok del Governo al decreto

Più controlli e pene più severe per chi guida in stato di ebbrezza o senza patente. Il Consiglio dei Ministri ha dato oggi il via libera al decreto legge sulla sicurezza stradale. La norma arriva proprio agli inizi del mese di agosto "uno dei più critici. Per questo dal disegno di legge abbiamo estratto alcuni articoli per un decreto legge approvato anche dalla Commissione Trasporti del Senato all’unanimità", ha detto il ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi. Il decreto verrà convertito in legge entro ottobre qualora Camera e Senato non abbiano ancora concluso l’iter per il ddl. Non perde tempo il Governo in materia di sicurezza stradale, sempre più protagonista nelle pagine di cronaca dei media.

Per quanto riguarda la guida in stato di ebbrezza cambiano gli intervalli dei tassi alcolici con una differenziazione delle sanzioni. Il riscontro di valori di tasso alcolemico compresi tra 0,5 e 0,8 grammi per litro prevede una multa tra i 500 e i 2.000 euro, con l’arresto fino a un mese e la sospensione della patente fra tre e sei mesi; tra 0,8 e 1,5 la sanzione va da 800 a 3.200 euro, l’arresto può arrivare a tre mesi e la sospensione della patente va dai sei mesi a un anno. Oltre l’1,5 la multa va da 1.500 a 6.000 euro, arresto fino a sei mesi e sospensione della patente da uno a due anni. Tra le novità l’inserimento della pena alternativa, con lo svolgimento di attività sociali presso istituto dove sono ricoverate le vittime di incidentei stradali.

Introdotto il divieto per il conducente di far uso di apparecchi radiotrasmittenti, ok invece al l’utilizzo di apparecchi a viva voce, auricolari purché il conducente per il loro funzionamento non debba usare le mani. Per chi guida senza patente sono invece previste multe tra 2.257 a 9.032 euro

In materia di velocità sono previste multe da 370 a 1.458 euro,oltre alla sospensione della patente da tre a sei mesi, per chi supera di 40-60 km/h i limiti di velocità. Per chi va oltre i 60 km/h la sanzione può arrivare da 500 a 2 mila euro e la sospensione della patente va da sei a dodici mesi. Il decreto prevede anche "aspetti di caratteri preventivo: una disposizione che impone ai gestori delle discoteche e locali notturni l’apposizione di cartelli con i tassi alcolemici a rischio e delle sanzioni in caso di loro trasgressione", ha precisato Bianchi.

"E’ inutile aumentare le sanzioni e inasprirele pene per chi non rispetta le norme del Codice della strada, se prima non si incrementa la prevenzione affrontando così il problema alla radice – ha commentato il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – Gli incidenti e i morti sulle strade non si riducono con provvedimenti repressivi, ma attraverso strumenti di prevenzione davvero efficaci come il Tutor, che nelle tratte sperimentate ha ridotto il numero di morti sulle strade del 40%".

Comments are closed.