Sisma in Abruzzo, Governo sospende mutui e bollette

"Il numero delle vittime del terremoto é salito a 279 e ci sono 20 bambini, con meno di 16 anni. Fino ad ora abbiamo assistito 20mila persone e al momento abbiamo 11.669 soccorritori". Così il Premier Silvio Berlusconi, ha aperto la conferenza stampa a Palazzo Chigi, al termine del Consiglio dei Ministri che si è tenuto oggi. "Tutti i leader mondiali che mi hanno chiamato sono rimasti colpiti dallo straordinario intervento che abbiamo messo in campo. Chiedo a tutti quelli che possono di mettere a disposizione le proprie case, anche quelle di villeggiatura".

"Solo con la parcellizzazione degli interventi si possono avere tempi rapidi di ricostruzione" ha poi aggiunto il Premier. Nel Consiglio dei Ministri di oggi sono stati approvati alcuni provvedimenti a favore delle vittime del terremoto. Si è dato l’ok all’ordinanza che sospende i termini relativi a mutui e bollette per i cittadini coinvolti dal sisma, dopo che il Ministro dell’economia e delle finanze, Giulio Tremonti, ha inviato all’ABI una lettera chiedendo di considerare le ipotesi di rinviare effettivamente le rate dei mutui e di azzerare o ridurre i costi connessi alle operazioni bancarie.

"Il terremoto è definito come causa di forza maggiore che autorizza la rinegoziazione dei mutui contratti dalla popolazione con gli istituti di credito" si legge nel comunicato del Governo. Sono stati sospesi per due mesi, periodo che potrebbe essere prolungato, i termini di pagamento delle fatture per la fornitura di energia elettrica e di gas. Verranno rinviate anche tutte le scadenze fiscali e contributive per i lavoratori dipendenti e autonomi che risiedono nelle zone interessate dal terremoto, mentre sarà assicurata la continuità dei pagamenti da parte degli enti previdenziali e assistenziali.

E’ inoltre prevista una indennità di 800 euro mensili a tutti i titolari di rapporti di attività commerciali, produttive, agricole, artigianali e simili, che hanno dovuto sospendere l’attività per gli eventi sismici. Tale indennità viene riconosciuta anche ai collaboratori coordinati e continuativi in possesso dei requisiti di cui all’articolo 19, comma 2, del decreto legge 185 del 2008.

Vengono istituiti specifici conti correnti bancari sui quali versare i proventi delle donazioni ed atti di liberalità da impiegare a favore delle popolazioni colpite, da parte del Dipartimento della protezione civile.

Il Ministero dei beni culturali è stato autorizzato a ricevere proventi derivanti da donazioni ed atti di liberalità che saranno impiegati, con procedure di somma urgenza, per il recupero dei beni culturali danneggiati dal sisma. Viene inoltre, quantificato un contributo per l’autonoma sistemazione alle famiglie sfollate, fino ad un massimo di 400 euro mensili, con un contributo aggiuntivo di ulteriori 100 euro a favore dei soggetti di età superiore ai 65 anni o diversamente abili.

E’ stata prevista la salvaguardia dell’anno scolastico in corso ai fini del rilascio dei titoli di studio. Il Ministro dell’economia e delle finanze, Giulio Tremonti, ha annunciato che con variazione di bilancio è stata aumentata di 70 milioni di euro la somma stanziata per l’emergenza, che giunge così a 100 milioni di euro.

Il Consiglio ha, inoltre, deciso l’impiego di 700 militari delle Forze armate per concorso in servizi di pattugliamento e antisciacallaggio svolti nelle zone terremotate dalle Forze di polizia. E’ stato, invece, rinviato a dopo Pasqua il decreto legge sugli aiuti per le zone terremotate, in attesa della definizione delle cifre necessarie e delle modalità di reperimento dei fondi. "Valuteremo la proposta avanzata dall’opposizione di utilizzare i soldi derivanti dall’accorpamento del referendum con l’election day" ha risposto Berlusconi ad una giornalista de l’Unità.

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli ha annunciato l’esenzione del pagamento del pedaggio sulle autostrade A24 e A25 per gli sfollati che utilizzano queste autostrade per spostarsi.

Intanto questa mattina il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha reso omaggio alle vittime del terremoto; incontrando poi un gruppo di Vigili del Fuoco nella scuola della Guardia di Finanza che ospita il quartier generale della Protezione Civile ha dichiarato: "Sono qui per dovere, per sentimento e anche per ringraziarvi per tutto quello che state facendo. E’ uno sforzo di efficienza e di generosità straordinari nell’ambito delle organizzazioni dello Stato e della mobilitazione dei cittadini".

"Nessuno è senza colpa – ha aggiunto Napolitano – Molti sono stati coinvolti nella costruzione dei palazzi crollati. Deve esserci un esame di coscienza senza discriminanti né coloriture politiche, non per battersi il petto ma per capire cosa è indispensabile e urgente fare per evitare che questi fatti si ripetano e perché si possa fare prevenzione, non con fantasiose profezie o impossibili previsioni – ha sottolineato il Presidente della Repubblica, riferendosi all’urgenza di avere un’edilizia anti-sismica -ma apprestando mezzi indispensabili perché case ed edifici resistano".

"I Pm stanno indagando – ha dichiarato Berlusconi sulla questione delle colpe – e le responsabilità saranno certamente accertate: io personalmente ho potuto verificare che molti edifici rappresentano le tecnologie dell’epoca, e quindi non credo che ci siano state delle situazioni tali da far presumere responsabilità nella costruzione degli edifici" ha concluso Berlusconi in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Comments are closed.