TECNOLOGIA. Anti Digital Divide: WiMax, il Tar può e deve salvarlo

Il WiMax è importante nella liberalizzazione del mercato e per la riduzione del Divario Digitale. È quanto ribadisce l’associazione Anti Digital Divide (ADD) che, in una nota stampa, ha ricordato come la data di ieri abbia rappresentato un passo importante nella storia dell’associazione: "Siamo stati infatti rappresentati – scrive ADD – dentro le famose stanze del TAR del Lazio, per appoggiare il ricorso della società MGM contro il regolamento per l’assegnazione di diritti d’uso di frequenze per sistemi Broadband Wireless Access (BWA) nella banda a 3.5 GHz, in una parola Wimax, stabilito dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, AGCOM. Non una protesta, non una lettera aperta, ma una vera e propria azione concreta per tentare di salvaguardare una tecnologia che qualcuno evidentemente vorrebbe morta già sul nascere. Nel regolamento non è prevista alcuna priorità per la copertura delle zone non raggiunte dalla banda larga e la mancata esclusione di Telecom Italia e degli operatori UMTS, permetterà a questi soggetti di monopolizzare anche il mercato del Wimax. Questo Regolamento – prosegue l’associazione – è stato gestito a senso unico, non ascoltando coloro che avevano partecipato alle consultazioni pubbliche, noi compresi. Ma fare dietrologia sarebbe piangere sul latte versato. La lista delle contestazioni è molta lunga, c’è molto da dire sul WiMax, speriamo di aver modo di discuterne in tutte le sedi possibili".

Anti Digital Divide ricorda come il web sia mobilitato per il WiMax e sottolinea il valore che questo può avere nella liberalizzazione del mercato e per la riduzione del Divario Digitale. "Ci auguriamo – scrive l’associazione – che il TAR accolga il ricorso e le motivazioni di associazioni, provider e di migliaia di utenti che hanno firmato sul web due petizioni che hanno raccolto più di 220 mila firme", quella pro concorrenza, lanciata dal Blog di Beppe Grillo e quella pro open spectrum.

LINK: Associazione Anti Digital Divide

Comments are closed.