TERZA ETA’. Auser accusa Rai Uno Mattina: “Anziani usati come ridicole macchiette”

"Siamo profondamente indignati per come una trasmissione del servizio pubblico abbia potuto trasmettere un’immagine così assurda di una categoria di ben 12 milioni di cittadini". E’ quanto afferma l’Auser, associazione che promuove il ruolo attivo degli anziani nella società, la quale protesta per il modo in cui si è parlato di anziani questa mattina, venerdì 16 giugno 2006, nell’ambito del programma RAI Uno Mattina Estate.

In un penoso e patetico siparietto – afferma l’associazione – che avrebbe avuto la pretesa di essere comico, sono state presentate le nuove tendenze della moda, ridicolizzando di fatto gli anziani. La parola "nonno" è stata usata dalla conduttrice come un insulto, come se fosse sinonimo di "rimbecillito", offendendo, crediamo, le migliaia di telespettatori anziani che proprio in quella fascia oraria sono gli utenti principali della televisione.

Gli anziani – conclude l’Auser – non sono macchiette da ridicolizzare pensando di far ridere, sono prima di tutto cittadini, pagano il canone, guardano la televisione, vogliono essere informati e certo vogliono anche seguire programmi di intrattenimento, ma intelligenti.

 

Comments are closed.