TLC. Costi di ricarica, Tabaccai annunciano sciopero, MC: “Siamo al paradosso”

La Fit (Federazione Italiana Tabaccai), a seguito della notizia che tutti gli operatori abbatteranno a breve i già bassissimi margini spettanti alla rete distributiva come risposta ai minori introiti dovuti all’eliminazione del costo di ricarica, ha deliberato lo stato di agitazione della categoria che da dieci anni garantisce una distribuzione capillare, efficiente ed economica al servizio del consumatore, contribuendo in modo determinante al successo della telefonia mobile nel nostro Paese.

La Fit chiede al Governo di farsi mediatore con le compagnie telefoniche per l’avvio di un tavolo congiunto per una costruttiva soluzione della vertenza che potrebbe anche portare alla sospensione, per protesta, della commercializzazione delle ricariche in tabaccheria, sia in modalità scratch che on line. «Tuttavia -conclude Risso- con la nostra professionalità continueremo ad assicurare alla clientela tutta l’assistenza necessaria in questo momento di adeguamento alla nuova normativa introdotta dal Decreto Bersani»

Siamo al paradosso – commenta il Movimento Consumatori – i tabaccai rispondono in maniera corporativa ad un provvedimento che guarda all’interesse di tutti i consumatori e, quindi, anche di loro stessi.

Comments are closed.