TLC.Parlamento Ue e EENA lanciano petizione: prioritario numero Unico di emergenza Europeo 112

BRUXELLES. E’ stata lanciata questa mattina al Parlamento Europeo di Bruxelles (PE) la petizione elettronica per richiedere alla Presidenza di turno Tedesca ed al Presidente della Commissione Barroso, di mettere tra le priorità gli aspetti di qualità, multilinguismo e localizzazione per il numero Unico Europeo 112 per tutte le chiamate di Emergenza.

Attraverso il Numero Unico Europeo 112 per le Emergenze le chiamate al 112 sono instradate direttamente alle centrali operative dei Carabinieri che poi si devono far carico di smistare le eventuali chiamate per gli altri servizi, alle altre Centrali Operative del soccorso (in alcuni casi chiedono di richiamare l’esatto numero corrispondente all’emergenza per la quale l’utente chiama).

L’Associazione Europea per il Numero Unico di Emergenza (EENA), informa il Parlamento Europeo che ancora oggi, nonostante le sollecitazioni della Commissione europea infatti questo numero è ancora non usato e non implementato in maniera efficiente e che i cittadini non conoscono ancora le possibilità offerte da questo servizio istituito nel 1991.

Stando ai dati dell’Eurobarometro sembra saperlo solo il 10% della popolazione. Da più di 100 milioni di Europei che viaggiano per vacanza o lavoro all’interno dell’EU ogni anno, solo 35 conoscono il numero di emergenza. E per alcuni paesi con un elevato numero di turisti, come la UK e la Francia questa percentuale è anche più bassa. Questo nonostante l’obbligo legale che «Gli Stati Membri devono assicurare che i cittadini siano adeguatamente informati circa l’esistenza e l’uso, del numero di chiamata unico Europeo d’emergenza ‘112’.

EENA lancia ufficialmente l’iniziativa dei Cittadini disponibile sul sito www.112petition.eu al fine di raccogliere 1 milione di firme per far divenire il 112 una priorità Europea. Lo scopo di questa iniziativa è di aiutare la Commissione Europea, la quale ha annunciato due anni fa che il "112 era una priorità", a realizzare una giornata ufficiale del 112, il giorno 11 Febbraio, che è già la data del giorno nazionale del 112 in diversi stati, e per chiamare gli Stati Membri a migliorare la qualità di servizio della catena del 112.

Anche se l’implementazione del 112 viene fatta a livello nazionale, non deve essere dimenticato che c’è la necessità di essere sicuri che i turisti ricevano una risposta appropriata quando viaggiano all’estero. Il 112 è lo strumento che potrebbe contribuire a salvare oltre 5.000 vite e 5.000.000.000 Euro per anno solo nell’Europa dei 15 (secondo le stime interne della Commissione Europea).

In Italia il numero unico Europeo non è stato ancora abilitato. Oggi se si cerca ‘soccorso o aiuto’, bisogna conoscere a memoria almeno una decina di numeri dedicati alle diverse tipologie di servizi che possono essere richiesti: Pubblica Sicurezza: 112, 113, 117; Soccorso Tecnico: 115, 1515, 1530; Soccorso Sanitario: 118.

Per firmare la petizione e saperne di più clicca qui

 

Comments are closed.