TLC. Abusi on line, Consiglio di Stato conferma multa Teleunit. Soddisfatta Assoutenti

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 12277 del 2011, ha definitivamente respinto il ricorso di Teleunit, riaffermando la responsabilità della società quale "coautore" della condotta commerciale scorretta: "le clausole limitative delle responsabilità di Teleunit contenute nel contratto stipulato con la NEM non possono esonerare la società dal rispetto delle disposizioni del codice del consumo" ha scritto il Consiglio di Stato.

Nel 2008 l’Antitrust aveva sanzionato le società Nem e Teleunit perché i messaggi pubblicitari potevano far intendere che il download di mappe geografiche fosse gratuito, mentre invece le persone interessate dovevano sostenere oneri significativi. Contro questa decisione Teleunit aveva fatto appello prima al Tar e poi al Consiglio di Stato, sostenendo la propria estraneità alla condotta commerciale della NEM, senza peraltro contestare l’ingannevolezza della pubblicità: ma i giudici amministrativi hanno respinto i ricorsi.

"Il fenomeno degli abusi on line è purtroppo assai diffuso" afferma il Presidente di Assoutenti Mario Finzi. "L’Antitrust è più volte intervenuta per sanzionare questo tipo di pratica scorretta, come nel caso recente della vendita di biglietti aerei, sistemazioni alberghiere e pacchetti turistici via internet da parte di alcune importanti società. E’ necessario intensificare l’azione contro gli abusi on line: internet è una straordinaria opportunità, ma molti operatori utilizzano la rete per ingannare o truffare i consumatori".

Comments are closed.