TLC. Agcom: missione trasparenza

L’Autorità per le tlc ha approvato la delibera relativa alla trasparenza delle tariffe telefoniche sia per il fisso che il mobile. La delibera (126/07), che entrerà in vigore con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, prevede tra l’altro l’invio al consumatore di informazioni sul proprio piano tariffario e sul proprio profilo di consumo, nonchè la confrontabilità tra le offerte di operatori diversi attraverso l’accreditamento di soggetti indipendenti che provvedono alla comparazione dei prezzi attraverso motori di calcolo.

In particolare la delibera prevede che per facilitare l’esercizio consapevole della facoltà di scelta tra le diverse offerte sul mercato i consumatori hanno diritto di conoscere gratuitamente:

  • il piano tariffario e tutte le altre condizioni economiche loro applicate in forza del contratto in vigore;
  • il proprio profilo di consumo telefonico.

In caso di servizi prepagati, invece, il titolare della linea ha diritto all’informazione mediante accesso interattivo alla rete.

D’altro canto l’operatore inserisce nella documentazione di fatturazione di ciascun abbonato il piano tariffario applicato con ogni bolletta. Almeno una volta l’anno dovrà essere comunicata la generalità delle condizioni economiche inerenti al contratto in corso. In caso di servizi prepagati, le suddette informazioni dovranno pervenire all’utente attraverso due delle seguenti modalità:

  • messaggio informativo attraverso il numero telefonico di assistenza clienti o altro numero gratuito;
  • pagina consultabile nel sito web dell’operatore;
  • via SMS gratuito, digitando un codice.

Confrontabilità offerte dello stesso operatore. Al fine di assicurare al consumatore strumenti di comparazione tra le offerte proposte sul mercato, l’Autorità, previa consultazione con le associazioni dei consumatori e le imprese interessate, individua con apposito provvedimento una congrua articolazione di tipologie standard di consumo dei servizi di telefonia. Allo scopo, invece, di consentire al consumatore valutazioni personalizzate di convenienza economica tra le offerte, comunque denominate, proposte dallo stesso operatore, l’Autorità, previa consultazione con le associazioni dei consumatori e le imprese interessate, definisce le modalità con le quali gli operatori della telefonia rendono disponibili, sui propri siti web, guide interattive per la valorizzazione in termini di spesa delle offerte sottoscrivibili in base allo specifico profilo di consumo proprio del singolo richiedente.

Confrontabilità offerte di operatori diversi. L’Autorità, allo scopo di agevolare i consumatori nel confronto contestuale, anche con modalità interattive, tra le condizioni economiche proposte da diversi operatori della telefonia, previa consultazione con le associazioni dei consumatori e le imprese interessate, disciplina le modalità e i requisiti di accreditamento dei soggetti indipendenti titolari di motori di calcolo per la comparazione di prezzi che ne facciano richiesta.

"Ci auguriamo che i provvedimenti contenuti in questa delibera siano attuati efficacemente nel più breve tempo possibile, perché costituiscono essenziali garanzie per gli utenti di telefonia". È questo il commento del Dipartimento TLC del Movimento Difesa del Cittadino (MDC), che chiede all’Autorità di "insistere sulla strada della trasparenza, vigilando anche sui cambi tariffari della telefonia mobile, già attuati da alcune società dopo il taglio dei costi di ricarica, per verificare eventuali aumenti indiscriminati".

"Questa delibera sulla trasparenza delle tariffe telefoniche per fisso e mobile – si legge nel comunicato dell’associazione – dimostra che le riforme in atto a favore delle liberalizzazioni volute da decreto Bersani stanno andando nella giusta direzione, ossia quella di una maggiore concorrenza e tutela dei consumatori".

TLC. Wind aumenta le tariffe. MDC: preavviso illegittimo

Comments are closed.