TLC. Agcom, via libera a schema per riduzione tariffe servizi 12

Tariffe un po’ meno care per le chiamate da telefonini al 12. Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha approvato oggi uno schema di provvedimento (relatori i commissari Stefano Mannoni e Nicola D’Angelo) per l’adozione di "una misura temporanea cautelare finalizzata alla riduzione delle tariffe di originazione da rete mobile per le chiamate con telefono cellulare verso i servizi informazione abbonati (12.xy e 892.uuu. Il provvedimento sarà inviato all’Antitrust per il relativo parere e tornerà poi al Consiglio dell’Agcom per l’approvazione finale. La riduzione delle tariffe consentirà anche una diminuzione dei prezzi per i consumatori.

L’Autorità presieduta da Corrado Calabrò ha deciso lo scorso 12 luglio di aprire un procedimento di urgenza dopo aver riscontrato tariffe di raccolta praticate dagli operatori di rete mobile esageratamente elevate per il servizio di informazioni telefoniche offerto dalle numerazioni che iniziano per 12 e per 892. Nell’avviare il procedimento l’Agcom aveva rilevato, infatti, che le tariffe attuali sono "ingiustificatamente elevate", giungendo, in alcuni casi, ad incidere fino al 50% del prezzo al dettaglio dei servizi in questione. Tali valori, spiegava l’Autorità, "risultano molto più alti della media europea" e possono peraltro causare "distorsioni della concorrenza, poiché gli operatori mobili sono a loro volta concorrenti dei fornitori dei servizi di informazione abbonati nel mercato al dettaglio". La riduzione delle tariffe di raccolta, aggiungeva ancora l’Authority, potrà consentire una diminuzione dei prezzi agli utenti per le chiamate da rete mobile ai servizi di informazione abbonati, garantendo la concorrenza e la tutela dei consumatori.

Comments are closed.